Arriva a Napoli il villaggio natalizio ispirato al Grinch

Arriva a Napoli “Il Regno del Grinch” Il villaggio ispirato al famoso “ladro” del Natale Un entusiasmante percorso ispirato all’iconico personaggio 
interpretato al cinema dalla star di Hollywood Jim Carrey   Clicca qui per il press kit
(locandine ed immagini varie) E’ la novità assoluta del Natale 2023 a Napoli e l’idea non poteva che nascere all’ombra del Vesuvio (Dreamers Entertainment): un intero villaggio avventura ispirato al Grinch, il personaggio più irriverente, cinico e simpatico del Natale, interpretato dall’attore Jim Carrey nel film diretto nel 2000 da Ron Howard.   Icona assoluta per intere generazioni, il Grinch (che nel film si macchia del reato di “furto del Natale”), diventa l’ispirazione di un percorso guidato in cui i bimbi, (con o senza genitori al seguito), saranno accompagnati dagli operatori che li incanteranno con storie e racconti ad alto contenuto emotivo, oltre a dover superare una serie di prove in otto steps per sconfiggerlo e riprendersi la refurtiva. Una “experience a tema”, così come descritto dagli organizzatori, che impegnerà i bimbi per circa novanta minuti.   Il Regno del Grinch, realizzato a Napoli in Via Terracina, negli spazi della struttura “Oasi Flegrea”, rappresenta un’esperienza unica per i bambini, un format innovativo che trova applicazione in numerose locations in Europa, tra cui musei sensoriali, mostre interattive e musei d’arte. L’apertura al pubblico è prevista nei primi tre weekend di Dicembre, dalle 10.00 alle 20.00, con ingresso gratuito per i genitori ed un ticket di 15 euro per i soli bambini. Possibilità di ingressi riservati per scuole e gruppi.
I colleghi della stampa possono inviare richiesta di accredito all’email info@gigiorosapromotions.it, indicando i nominativi da inserire in lista ed il nome la testata per la quale operano.
Links correlati:
  instagram.com/_dreamers_entertainment_
facebook.com/DreamersAnimazione
instagram.com/mreffe20
instagram.com/oasiflegrea    

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *