Asfalto killer: “Giovanni, meriti un altro mondo”. OGGI L’ULTIMO SALUTO

Scrivere non per mestiere ma per dovere, il dovere di ricordare un ragazzo che era voluto bene da tutti, senza esclusione, un ragazzo con sorrisi gratuiti, contagiosi, un giovane con grandi valori e passioni. Ricordo che al rinnovo della mia carta di identità, fu più fiero lui di scrivere “professione: giornalista professionista” che io. Si gongolava. Era soddisfatto. Calcolò la mia statura misurandomi alla sua spalla e alla domanda: “Occhi?”, alzò lo sguardo e mi disse: “Non sono né azzurri e né verdi, che amma scrive?” e concordammo sul ‘cerulei’ con una grassa risata. Ma poi atti pre-matrimonial, cambi di residenza, era disponibile con tutti e per tutti, riusciva a non far sentire il peso della burocrazia e delle trafile: andare all’ufficio anagrafe di Alvignano era un’esperienza, l’occasione per ricordare il senso della vita, era – nell’attesa – anche una semplice chiacchiera, per sapere il titolo dell’ultimo album di Renato Zero, l’opinione di uno juventino doc, di un amante del basket e dei lunghi bianconeri casertani. Per non parlare del teatro, altra sua grande passione. Attore di spicco della compagnia locale Anema e core, era fierissimo di calcare la scena e di partecipare con i suoi amici a concorsi ed esibizioni in trasferta. Poi le comparse nei film e il suo sguardo perso in un mondo di buone azioni e tanta generosità. Il suo andamento dondoleggiante, le sue mani in perfetta armonia con i discorsi, la sua curiosità, infinita voglia di imparare e vivere appieno il momento. E’ vero, lo so, ma meritava di essere ancora tra noi? A me viene da pensare che forse il mondo non merita più di fare da sfondo a persone così. Troppo odio, cattiveria, arrivismo, superficialità, rancori, apparenze, egoismo. Loro meritano un altro mondo, “giardini che nessuno sa”. Ciao, Giovanni. Sai già chi devi salutarmi.

I funerali saranno celebrati oggi pomeriggio al Santuario dell’Addolorata alle ore 16.

 

(Articolo scritto da Federica Landolfi)

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *