Bando CIR – FAMMI VEDERE 2015

2

Concorso per Cortometraggi “FAMMI VEDERE”
BANDO 2015
1) Il bando è destinato a cortometraggi della durata massima di 120 secondi. In linea con il
mandato del CIR, i temi dei cortometraggi devono riguardare il mondo dei richiedenti asilo
e dei rifugiati, trattando aspetti legati all’accoglienza e all’integrazione delle persone che
fuggono da persecuzioni, violenze e torture e che cercano protezione nel nostro paese. Gli
autori devono mettere al centro del racconto la persona umana, i suoi diritti, le sue
necessità, la sua dignità tramite il linguaggio cinematografico e il proprio originale punto di
vista. Un’idea più precisa per i partecipanti si potrà ricavare vedendo i video dei vincitori
dell’edizione 2014.
2) Il bando si apre il 15 aprile 2015 e si chiude il 30 settembre 2015.
3) Entro il 10 ottobre 2015, la segreteria tecnica del CIR selezionerà tra i partecipanti un
numero massimo di quindici cortometraggi che saranno sottoposti al giudizio di un
comitato ristretto della giuria. Gli autori che avranno superato questa prima fase saranno
contattati privatamente. I loro nomi verranno comunque pubblicati sul sito del CIR. Alcuni
di questi cortometraggi potranno essere presentati, come finalisti del concorso, a festival o
rassegne.
4) I cinque cortometraggi finalisti che avranno superato la fase di cui al punto 2) saranno
proiettati durante la serata finale di raccolta fondi organizzata dal Cir entro il 30 novembre
nel corso della quale verranno scelti i vincitori da parte della Giuria e, con un criterio
ponderato, da parte del pubblico.
5) La giuria è composta da: Roberto Faenza, Gabriele Lavia, Monica Guerritore, Laura
Delli Colli, Monica Maggioni, Pasquale Scimeca, Mimma Nocelli, Giancarlo Loffarelli,
Gianmario Gillio,Silvia Costa, Mario Morcone,Carlo Puca, Andrea Purgatori, Ivan
Silvestrini,Valerio Cataldi, Walter Veltroni. Della giuria fanno parte anche Roberto
Zaccaria e Christopher Hein (Presidente e Direttore del CIR). La GIURIA, a suo
insindacabile giudizio, eleggerà i tre vincitori.
6) I tre corti vincitori del concorso otterranno rispettivamente un premio di 1.000/500/300
euro. Il CIR si riserva di adottare i cortometraggi vincitori e quelli dei promotori per le
proprie campagne di comunicazione sociale e di raccolta fondi per l’ anno 2015 e 2016.
7) Al concorso è stato offerto il sostegno della FCEI e del Rotary di Roma. per la parte
tecnico organizzativa e per i premi.
MATERIALE RICHIESTO PER LA SELEZIONE
Un dvd DATI contenente:
1) il file video del cortometraggio in formato MP4. Il nome del file deve corrispondere al titolo originale del cortometraggio completo di autore e contatto telefonico (es: Il corto – di Mario Rossi – 00393334444555). Riportare la stessa titolazione sulla copertina e sul supporto dvd. Il file deve essere leggero, ossia le sue dimensioni devono essere ridotte in modo tale che lo stesso possa circolare facilmente e velocemente attraverso la rete (ad esempio per necessità di scambio tra la segreteria del CIR e i giurati). In un secondo momento, e solo in caso di selezione, i candidati verranno contattati e dovranno far pervenire alla segreteria del CIR, in tempi brevi, lo stesso file del cortometraggio in alta qualità
2) pdf contenente una sinossi del corto (3 righe massimo) e una biografia breve e completa dei contatti dell’autore (10 righe massimo)
3) pdf liberatoria firmata in ogni sua pagina (allegato A del bando)
4) pdf copia firmata di un documento di riconoscimento valido
ATTENZIONE: il dvd deve essere un DVD DATI e NON UN DVD VIDEO: i file contenuti nel dvd devono essere scaricabili!
Il materiale deve essere spedito esclusivamente tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo: CIR – Segreteria Concorso per Cortometraggi “FAMMI VEDERE”, Via del Velabro 5/A, 00186 Roma. Specificare sulla busta “A FINI CULTURALI. SENZA SCOPI COMMERCIALI”. Le buste dovranno pervenire alla segreteria del concorso entro le ore 17 del giorno 30 settembre 2015.
Evitare la spedizione nella settimana di ferragosto (chiusura degli uffici del CIR)
Se il materiale giungerà incompleto o non rispetterà le coordinate stabilite dal presente bando, la candidatura potrà essere annullata.
Per maggiori informazioni sul Consiglio Italiano per i Rifugiati visitare il sito www.cir-onlus.org

 

LIBERATORIA
Il/La sottoscritto/a ___________ _____________ , nato/a a __________ il _________ , codice fiscale __________ , residente a __________ in Via __________ , telefono _________ , e-mail __________

DICHIARA
– di essere unico/a ed esclusivo/a autore/autrice dell’opera intitolata “__________”;
– di essere unico/a ed esclusivo/a titolare dei diritti di utilizzazione dell’opera intitolata “__________”;
AUTORIZZA
– la videoproiezione dell’opera intitolata “__________” da parte del CIR – Consiglio Italiano per i Rifugiati, con sede in Via del Velabro 5/A 00186 Roma (in seguito per brevità “CIR”), nell’ambito della manifestazione culturale Concorso per Cortometraggi “FAMMI VEDERE”, nonché negli altri eventuali eventi culturali collegati a detta manifestazione mediante i quali il CIR intende promuovere la propri attività;
– gli organizzatori del Concorso per Cortometraggi “FAMMI VEDERE” ad effettuare duplicazioni dell’opera intitolata “__________” esclusivamente al fine della videoproiezione nell’ambito della manifestazione culturale Concorso per Cortometraggi “FAMMI VEDERE”, nonché negli altri eventuali eventi culturali collegati a detta manifestazione mediante i quali il CIR intende promuovere la propri attività.
Per la videoproiezione dell’opera intitolata “__________”, nonché per le eventuali duplicazioni dell’opera da parte del CIR non sarà dovuto, né riconosciuto al Sig./alla Sig.ra __________ alcun compenso.
Il/La sottoscritto/a si assume ogni responsabilità per tutto quanto dichiarato nel presente documento, nonché di eventuali violazioni dei diritti d’autore e/o di utilizzazione vantati da terzi soggetti sull’opera intitolata “__________” e/o per quanto concerne l’utilizzo di eventuali musiche e/o immagini non originali presenti nell’opera.
A tal fine, si impegna a manlevare e tenere indenne il CIR per eventuali danni dal medesimo subiti a causa di pretese avanzate da terzi soggetti in relazione all’opera intitolata “__________”.

Il CIR, non acquisendo i diritti dell’opera intitolata “__________”, in nessun caso potrà essere ritenuto responsabile in caso di controversie sorte in seguito alla videoproiezione di detta opera.
Luogo e data
Firma

***
AUTORIZZAZIONE AL TRATTAMENTO DEI DATI
In ottemperanza all’obbligo di informativa di cui all’art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, il/la sottoscritto/a dichiara di avere avuto comunicazione dei diritti spettanti ai sensi dell’art. 7 del menzionato D.Lgs. n. 196/2003 e di essere stato/a informato/a che ogni informazione a Lui/Lei relativa, acquisita in forza della presente dichiarazione e nelle fasi successive, costituirà oggetto di trattamento nel rispetto di quanto previsto dal D.Lgs. n. 196/2003.
Il responsabile del trattamento sarà il CIR.
Il/La sottoscritto/a riconosce, ai sensi di legge, espressamente la piena legittimità del trattamento dei dati e, in particolare, dei suoi dati sensibili e presta il proprio consenso a tale trattamento.
Luogo e data
Firma

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *