BUON LUNEDI’

BUONA GIORNATA CON LA CITTA’ DI ANKARA, CAPITALE DELLA TURCHIA

I viaggiatori stanno sempre di più prendendo in considerazione come meta l’antica Angora, meglio conosciuta come Ankara, capitale della Turchia. Ankara è la seconda città più popolosa in terra turca (dopo Istanbul) e vi può offrire tantissimi luoghi da visitare.

Uno delle tappe quasi obbligatorie è la visita al Museo delle Civiltà Anatoliche, allestito in un mercato coperto dove la zona centrale dominata da ben 10 cupole. Nelle vicinanze troviamo anche l’Hisar, il Mausoleo di Ataturk ed il Museo Etnografico; meritano una visita anche le moschee, come quella di Haci Bayram Camii e quella di Kocatepe Camii. Sempre ad Ankara si possono visitare l’Anitkabir (famoso Mausoleo), l’Atakule (dedicato allo shopping), l’Ankara Castle, l’Erimtan Museum, il Cermodem, il Genclik Park e la Mehmet Akif Ersoy House.

Il clima di Ankara risulterà essere di tipo continentale, con estati molto calde nel periodo di giugno e luglio ed inverni molto freddi, con picchi che nel periodo di gennaio/febbraio arrivano a segnare -5°c. Il periodo migliore per visitare Ankara è quello primaverile verso la fine di aprile e l’inizio di maggio.

Ankara, anticamente chiamata anche Angora, è la capitale della Turchia  ed è la seconda grande città turca dopo Istanbul con una popolazione di oltre 4.400.000 abitanti. La città si estende sull’altopiano anatolico. Una città burocratica dall’aspetto apparentemente ordinato.

Amministrativamente costituisce un comune metropolitano, è capoluogo della provincia di Ankara ed è formata da 16 distretti: la più importante è Cankaya (centro direzionale del paese).

A dispetto del suo aspetto di città nuova, le origini di Ankara sono molto antiche. La regione fu abitata sin dall’Età del Bronzo dagli Hatti, e in seguito dagli Ittiti. Sotto il dominio degli Ittiti la città prese il nome di Ankuwash. Di questi ultimi ci sono rimaste numerose vestigia (II secondo millennio a.C.). Poì sullo stesso territorio sono succeduti i Frigi, i Lidi, i Persiani, ed i Galati. Più tardi, i Romani s’impossessarono della città e in seguito il regno fu annesso da Augusto all’Impero e Anchira divenne la capitale della ricca provincia della Galazia. La città, sotto il nome di Sebaste Tectosagum, si abbellì di monumenti tra cui le terme e il tempio di Augusto. Sotto Nerone fu promossa al rango di metropoli.

Ankara era, all’epoca romana, un centro d’arte e di commercio importante.

Durante il periodo turco la città ha subito varie invasioni dai Crociati e dai Mongoli e dopo il XV sec. ha avuto un lungo declino fino a che Mustafa Kemal Ataturk non la fece diventare il centro della resistenza turca contro lo smembramento del paese causato dalle invasioni dei paesi alleati (Greci, Inglesi, Francesi e Italiani). Dopo la Prima Guerra Mondiale Ankara è diventata la capitale.

Secondo la leggenda l’attuale nome di Ankara proviene dall’antico nome della città Anchira (l’ancora), infatti sembra che il Re Mida in sogno ricevette l’ordine da Dio di fondare una nuova città nel luogo dove avrebbe trovato l’Arca di Noè.

Dopo tanta ricerca, Re Mida non trovò l’arca ma in cima ad una collina (circa 900m d’altitudine e circa 400 km lontana dal mare) trovò una grande ancora. Secondo Re Mida questa apparteneva all’Arca di Noè, per cui vi fondò la città richiesta da Dio e la chiamò Anchira (L’ancora).

Ankara, oltre ad essre la capitale, è famosa per Il Mousoleo di AtaturkMuseo delle Civiltà Anatoliche (o Museo degli Ittiti), La Cittadella: (Ankara Kalesi) e per la Lana d’Angora.

Assemblea Nazionale Turca (in turco Türkiye Büyük Millet Meclisi detto TBMM) si trova ad Ankara.

L’aeroporto di Ankara si chiama Esenboga Havalimani.

ALCUNE FOTO:

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *