BUON MARTEDI’

BUONA GIORNATA CON LA STELLA PIU’ LUMINOSA DELLA NOSTRA COSTELLAZIONE “DENEB”

Deneb: è la stella più luminosa della nostra costellazione nonché la diciannovesima stella più luminosa del cielo notturno. Il fatto che appaia meno luminosa rispetto a Sirio, Arturo o Vega, non è a motivo di una sua carente luminosità intrinseca, quanto a ragione della sua grande distanza dal nostro pianeta.

Deneb, un supergigante 200.000 volte più luminoso del sole

Alpha Cygni, meglio conosciuta come Deneb, è una stella di prima magnitudine, la diciannovesima in ordine di luminosità tra quelle visibili ad occhio nudo. Nonostante numerosi studi nel corso dei decenni, sappiamo ancora relativamente poco di questo supergigante molto luminoso e distante.

Anche chi di astronomia capisce poco probabilmente conosce il Triangolo Estivo, uno degli asterismi più facili da rilevare dal nostro emisfero nelle notti d’estate finché il cielo è solo un po’ buio. È formato da tre stelle bianche: Vega , la più brillante della costellazione della Lira, Altair , la più brillante dell’Aquila, e Deneb , Alpha Cygni , la stella più brillante del Cigno.

Dei tre, il più luminoso è Ve g a, con una magnitudine visiva di 0,03 . Segue Altair con 0,76 , poi Deneb con 1,25 (le magnitudini stellari funzionano al contrario: valori maggiori indicano luminosità minore). Tuttavia, la differenza tra le tre stelle appare minima all’occhio umano, tanto che è facile considerarle come i vertici di un immaginario triangolo celeste. Pertanto, sarebbe ragionevole pensare che anche le loro distanze dalla Terra siano approssimativamente uguali. Il ragionamento vale per Altair e Vega, che distano rispettivamente 16,7 e 25 anni luce da noi. Ma Deneb appartiene a un’altra categoria. Le stime più attendibili ci forniscono una distanza di oltre2.600 anni luce! Quale mostro deve essere quella stella che sembra brillare con una forza simile a due delle stelle più luminose del nostro cielo, nonostante sia cento volte più lontana?

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *