Buon Sabato

Buona giornata con la stupenda CALLA.

La calla: significato di un fiore

Nel linguaggio sottile dei fiori, la calla riveste un ruolo molto particolare. Il suo stesso nome, dal greco “kalós”, ovvero “bello”, la rende simbolo di una bellezza pura e incontaminata, delicata e raffinata. Ma la sua storia antica, la vede al centro di miti e leggende che, col tempo, hanno contribuito ad accrescerne la fama e il valore, attribuendole altri significati, tra loro, spesso, opposti. Generalmente, regalare una calla significa mostrare affetto e stima nei confronti della persona a cui la si dona. Eppure, a seconda del colore, può voler anche simboleggiare stati d’animo differenti: l’amore puro e innocente, se il fiore è bianco, o l’amore passionale e sensuale, se è venato di rosso; la femminilità, se stiamo regalando una calla rosa; l’eternità, se abbiamo tra le mani una calla viola, detta anche calla nera. In questa molteplicità di significati, il modo migliore per sapere quale calla regalare, è conoscerne meglio la sua storia.

La calla: significato antico

Lo spadice della calla è l'infiorescenza vera e propria della pianta.

L’origine della calla, e del suo significato, affonda le radici nel mito e nelle storie delle divinità antiche. Secondo la tradizione greca, ad esempio, la prima calla si sarebbe generata da alcune gocce di latte materno cadute, accidentalmente, dal seno della dea Era, divinità della Terra e della procreazione. Per la cultura greca, quindi, la calla era un indiscusso simbolo di femminilità e prosperità. Al contrario, invece, la tradizione popolare romana le attribuiva un significato decisamente erotico e sensuale, a causa dell’esuberante spadice che si trova al centro del fiore. La calla, quindi, era considerata simbolo fallico, emblema di mascolinità e di virilità. Nessuno, però, ha mai messo in discussione il suo primo e vero significato, quello che rende la calla simbolo ed emblema di bellezza e perfezione. Secondo un’antica leggenda, infatti, sarebbe stata Venere stessa a maledire il fiore, a causa della sua eccessiva bellezza. Come conseguenza di questa maledizione divina, si formò lo spadice centrale, così da renderla più brutta e sgraziata.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *