Buon Venerdì

Buona giornata con il fiore del ‘Girasole’

Significato dei girasoli

Clizia e il dio Apollo

Tutti i fiori hanno un significato simbolico, tanto che donare un mazzo di fiori spesso equivale a lasciare un messaggio molto specifico a chi lo riceve. Se le rose rosse sono riconosciute universalmente come simbolo di amore eterno, anche il girasole, il fiore dal colore giallo, porta un significato tutto proprio. Anzi, il girasole è uno dei fiori che da più tempo viene rivestito di un valore simbolico. La pianta è infatti originaria delle Americhe: in Messico e in Perù era considerata immagine del Dio Sole. In Europa venne importata dai conquistadores nel 1500, e subito usata come pianta ornamentale, e solo in seguito in agricoltura. In seguito, all’Helianthus Annuus, questo il nome botanico dato al girasole, fu collegata un’antica leggenda greca. Clizia, una ninfa, si era innamorata del dio Sole, Apollo, e lo seguiva costantemente per poterlo ammirare nell’arco del giorno, mentre solcava il cielo. Allora fu trasformata in un fiore, affinchè potesse sempre seguire il suo amato.
Illustrazione botanica di un Helianthus Annuus

Le caratteristiche dei girasoli

Il capolino di un girasoleIl girasole è noto per il fatto che segue costantemente il disco solare, man mano che si sposta nel cielo. Il suo nome botanico, helianthus, è proprio una parola greca composta da helios, che vuol dire sole, e anthos, che vuol dire fiore. Anche il suo nome italiano allude a questa caratteristica. La morfologia del girasole è ben nota a tutti. Si tratta di una pianta che in genere presenta un unico fiore e un’altezza piuttosto notevole: alcuni esemplari possono alzarsi fino a due metri. Invece, quello che forse non tutti sanno, è che il girasole non è un unico fiore: ciò che si chiama così in realtà è il capolino, che è formato da tante piccole infiorescenze che si muovono in due cerchi concentrici, uno più esterno, di colore giallo acceso, e uno più interno, di colore giallo ocra. I semi che vengono prodotti nel disco centrale sono in realtà i frutti, detti acheni.

Il significato dei girasoli

Particolare di uno dei quadri di Van Gogh raffiguranti i girasoliI girasoli sono dei fiori molto belli: come si diceva, quando furono importati per la prima volta in Europa vennero usati per scopo puramente ornamentale. Solo in seguito vennero piantati a scopo agricolo, per ricavare l’olio che anche oggi è così ampiamente consumato sulle nostre tavole. Vincent Van Gogh (1853-1890), il celebre pittore olandese, li ritrasse molte volte nei suoi dipinti, perchè istintivamente il loro colore giallo vivace ispira sentimenti di vitalità e felicità. Ma molti altri sono i possibili significati che si vogliono trasmettere, quando si regala un girasole. Ad esempio, il fatto che questo fiore segua sempre tanto fedelmente il sole, può indicare che chi lo dona prova profondo rispetto ed ammirazione nei confronti di chi lo riceve. Se però si fa riferimento alla leggenda di Clizia, può anche indicare un amore non corrisposto, e spesso anche ostinazione verso qualcosa che non si può ottenere.

Significato dei girasoli: Altro significato dei girasoli

Il girasole è simbolo di amore fedeleIl significato dei girasoli non è unico, ma molteplice. Infatti, oltre ai significati simbolici già elencati, il regalo di un girasole indica che la perseveranza nel seguire un obiettivo alla fine è stata premiata. Inoltre, il girasole è anche un portatore di luce: quindi appare particolarmente indicato regalarlo ad una persona ammalata, o anziana, che vive un momento di tristezza o difficoltà, come buon augurio per una pronta guarigione, o semplicemente come un raggio di luce in una situazione ancora poco chiara. Il girasole è un bellissimo augurio anche per i bambini appena nati, e per i loro genitori: auspica che nella vita futura del piccolo vi siano sempre luce e gioia, e che la vita stessa del neonato possa illuminare quella di tutti coloro che gli stanno intorno.

 Il girasole

Il significato del girasole è legato alla particolarità di questo fiore che segue la luce del sole roteando su se stesso. Nell’antichità il girasole era il fiore del Dio Sole e per questo è sempre stato il portatore di un significato legato ai concetti di allegria, gioia ma anche amore. Poichè è portatore di positività, il girasole è il fiore ideale da regalare in caso di malattie o ricoveri ospedalieri in quanto è di buon augurio per una veloce guarigione. Ma è anche il fiore perfetto per le lauree in quanto rappresenta il conseguimento di vittorie e successi in ogni campo. Questo fiore era conosciuto e adorato anche dalla popolazioni precolombiane. Poichè il suo colore giallo acceso è portatore di allegria, viene spesso scelto come soggetto decorativo in tantissimi complementi di arredo, come le mattonelle della cucina.
Campo di girasoli

Leggende sul girasole

GirasoleLe leggende sul girasole sono tante, tutte legate al sole. La più celebre riporta una storia greca: secondo questa leggenda il girasole sarebbe nato per volere di Apollo, appunto il dio del sole. Di lui si era invaghita la ninfa Clizia che trascorreva le sue giornate ad ammirarlo seguendolo perennemente con lo sguardo. Apollo, che non ricambiava il suo amore, stanco di essere sempre osservato, la trasformò nove giorni dopo il loro primo incontro in un fiore che chiamarono appunto girasole in quanto seguiva i suoi raggi. In base a questa leggenda, quindi, il fiore diviene il simbolo della fedeltà assoluta e viene regalato alle spose. Nella mitologia cinese, invece, il girasole assume il significato di longevità e per questo viene regalato in occasione delle nascite.

Simbologia girasole

I girasoli - Dipinto di Van GoghLa simbologia del girasole lo vuole però anche il fiore della superbia per via del suo aspetto regale e altezzoso in quanto l’alto fusto e la corolla sempre rigida gli danno un aspetto quasi sfrontato. Sia gli Inca che gli Aztechi ne fecero il loro fiore sacro che adornava le vesti delle sacerdotesse durante le funzioni sacre. Il girasole è stato anche scelto da moltissimi personaggi illustri come fiore più rappresentativo. Ad esempio, Oscar Wilde ne portava sempre uno all’occhiello della giacca. In suo nome è stata anche istituita una festività, l’International Sunflower Guerrilla Gardening Day, che si svolge ogni anno il primo maggio dal 2007 a Bruxelles. Durante questa festa, vengono piantate diverse varietà di girasole per abbellire aiuole e strade pubbliche.

Storia del girasole

Distesa di girasoliLa storia del girasole è quella di un fiore che è apprezzato in moltissime parti del mondo proprio per le sue caratteristiche che lo rendono un elemento gioioso e allegro, per gli occhi e per l’olfatto. Il girasole è talmente apprezzato da essere stato scelto anche come soggetto principale di moltissimi dipinti. Fra questi, ad esempio, sono celebri i quadri di Anthony Van Dyck che in due dei suoi dipinti fiamminghi immortala per primo il fiore. Ma è Vincent Van Gogh, alla fine dell’Ottocento, che rende il girasole celebre ritraendolo in alcuni dei suoi dipinti più famosi. Addirittura, Van Gogh che disegna i girasoli divenne il soggetto di un altro celebre disegno, quello del suo amico Paul Gauguin. Infine, anche Gustav Klimt – controverso simbolista – raffigurò i girasoli.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *