Buona Domenica da Damasco

 Buona Giornata con i saluti da Damasco Capitale della Siria.

Damasco, la capitale della Siria è una città tra le più antiche del mondo, che conserva un ricco patrimonio storico di testimonianze risalenti anche a millenni fa. I numerosi siti archeologici, le moschee e gli edifici sacri di diverse religioni, così come le costruzioni di varie epoche storiche, fanno di Damasco una città unica nel suo genere. Il suo centro storico è stato dichiarato nel 1979 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Damasco

Cenni storici su Damasco

Damasco ha origini storiche molto lontane nel tempo. Tra le notizie che attestano la sua esistenza se ne trovano alcune antichissime, che risalgono al II millennio a.C. Nel corso della sua storia la città ha visto avvicendarsi varie dominazioni: dagli Egiziani, (fino alla fine del II millennio a.C.), agli Aramei (XI secolo a.C. al V sec. a.C.), che segnarono il periodo in cui Damasco cominciò ad aumentare la sua importanza, ai successivi Assiri, Babilonesi Persiani e Seleucidi. Dal 64 a.C. Damasco fece parte dell’impero romano per circa 700 anni e divenne un centro di rilievo politico e culturale. Nel 633 d.C. fu conquistata dagli Arabi e rimase sotto la dinastia degli Omayyadi dal 661 al 750, per poi passare agli Ayyubiti. Il lungo periodo di dominazione dei Turchi Ottomani durò ben quattro secoli, dal 1516 fino al 1918, quando Damasco fu liberata ad opera degli inglesi e dei beduini. I francesi si imposero nel 1920, trasformando la Siria in un loro protettorato. Durante la seconda guerra mondiale il paese passò sotto il controllo britannico e nel 1941 dichiarò la propria indipendenza, riconosciuta soltanto tre anni dopo. Nel 1945 Damasco fu proclamata capitale della Repubblica di Siria.

Damasco città

Damasco è una città piena di vita, con i suoi grandiosi Suq, caratteristici mercati ricchi di merce di ogni tipo immersi nella tipica atmosfera movimentata di questi luoghi. Il centro della città è racchiuso dalle mura romane e conserva la sua struttura medievale fatta di stradine strette e tortuose. In tutta la città si trovano numerosi siti archeologici e vari esempi di architetture del passato.

Una delle principali attrattive di Damasco è la Grande Moschea degli Omayyadi, costruita nel 705 sul luogo di antichi templi e della cattedrale cristiana intitolata a S. Giovanni Battista, le cui reliquie sono conservate all’interno della moschea. Molto bella da vedere è inoltre la Moschea Sayyidah Ruqayya, con i suoi interni decorati con splendidi colori. A Damasco si trovano anche chiese cristiane, tra cui la Cappella di San Paolo e San Anania e alcune cattedrali ortodosse.

Tra i musei, si consiglia di visitare il Museo Nazionale di Damasco, costruito sui resti di un palazzo arabo, con una ricca sezione archeologica, e il Museo di arti e tradizioni popolari, allestito all’interno del Palazzo Azem, antica sede del governatore ottomano.

Damasco si trova ai margini di un’oasi antica, al-Ghuta, dove il fiume Barada corre lungo la base orientale delle montagne vicine al Libano. La città è menzionata per nome fin dal XV secolo aC, quando fu conquistata dal faraone egizio Thutmoses III. La città è stata successivamente occupata dagli Israeliti, Assiri, Babilonesi, Greci, e Nabatei prima di essere conquistata da Roma, i cui governatori hanno costruito la rete di strade, piazze, muri e porte, che continua a definire i contorni della Città Vecchia.

Quando i Bizantini governarono Damasco nel 395, consacrarono il tempio di Giove nel centro della città. La popolazione in gran parte monofisita rimase ostile ai governanti di Bisanzio e accolse con favore l’esercito sasanide che occupò la città nel 612. Le forze bizantine riconquistarono Damasco nel 627, ma dopo un breve assedio la città ha aperto le sue porte ai musulmani arabi guidati da Khalid ibn al-Walid nel settembre del 635.

Il contrattacco di Bisanzio è stato schiacciato sulle rive del fiume Yarmuk l’estate successiva, e nel dicembre 636 un esercito arabo / musulmano comandato da Abu Ubayda ibn al-Jarra marciò in città ancora una volta. Alla morte del governatore Yazid ibn Abi Sufyan tre anni più tardi, il fratello di Yazid di Mu assunse il comando delle forze arabe musulmane con sede a Damasco. Mu Ali awiya fu riconosciuto come califfo dei musulmani dopo una serie di scontri e designò la città come la capitale della nuova dinastia omayyade.

Durante il periodo omayyade, Damasco costituiva il centro di un dominio politico ed economico che si estendeva dalla Spagna a ovest fino al Khorasan a est. Il terzo sovrano omayyade al-Walid, trasformò la moschea relativamente modesta che era stato costruito sulla base della Chiesa di San Giovanni in una struttura molto più grande, conosciuta come la Moschea degli Omayyadi. Questo edificio e gli altri monumenti costruiti dagli Omayyadi furono saccheggiati quando un esercito abbaside occupò la città nella primavera del 750. Damasco cadde in una relativa oscurità dopo che la dinastia abbaside trasferì la capitale musulmana in Iraq: i suoi abitanti si ribellarono più volte, ma le forze abbasidi schiacciarono ognuna di queste insurrezioni. Il potente governatore d’Egitto, Ahmad ibn Tulun, incorporà Damasco nel suo dominio in 878.

Entro la fine del X secolo, Damasco, sorgeva sul crocevia di conflitti che coinvolgevano i governanti Fatimidi d’Egitto, i Hamdanids di Aleppo, i Bizantini a ovest, le varie tribù turcomanni del nord, e il crollo dell’impero abbaside a est. Le continue incursioni e occupazioni hanno gravemente perturbato il commercio della città e distrutto interi quartieri commerciali e residenziali. Una serie di governatori selgiuchidi hanno lottato per ottenere il controllo della città durante l’ultimo quarto del secolo XI, ma fu solo quando il comandante militare (Atabegi) Zahir al-Din Tughtaqin prese il potere nel 1104 che un restituì un pò di ordine. I successori di Tughtaqin , i Burids, hanno supervisionato un marcato recupero dell’economia e la creazione di diversi nuovi sobborghi.

Il discendeente Nur al-Din ha ristabilito Damasco capitale della Siria. Nuove fortificazioni sono state costruite, e sono proliferate scuole religiose e fondazioni . Nel corso di questi decenni, i mercanti europei hanno trasformato il broccato di seta, la merce di rame e la pelletteria fabbricate nella città in elementi lucrativi di commercio internazionale. I profitti generati dal fiorente commercio con l’Europa hanno consentito alla Corte di proteggere un gran numero di eminenti studiosi e artigiani. Questa era illustre si concluse solo quando i Mongoli invasero la città nella primavera del 1260. Sulla scia della sconfitta mongola a Ayn Jalut, Damasco divenne subordinata ai governanti mamelucchi d’Egitto, per i quali è servita prima come una base avanzata di operazioni contro le incursioni dei mongoli e poi come capoluogo di provincia.

Damasco ha impiegato poca resistenza contro gli ottomani, che occuparono la città nel mese di settembre 1516. , Quando il sultano Selim I morì cinque anni dopo, tuttavia, il governatore Janbirdi al-Ghazali ha dichiarato la città indipendente. I giannizzeri hanno subito represso la rivolta, saccheggiando e bruciando interi quartieri. Successivamente, Damasco ha perso molta della sua importanza politica ed economica e divenne la sede di uno dei tre governatorati ottomana (vilayet) in Siria. Le fortune della città aumentarono quando le famiglie locali ottenero la carica di governatore, in particolare durante il periodo di al-Azm. Durante il periodo ottomano, Damasco è servita da stazione di passaggio fondamentale lungo la via di pellegrinaggio tra l’Anatolia e la Mecca.

Con i primi anni del XX secolo, Damasco era diventata un importante centro di agitazione contro il regime ottomano. Il governatore riformista Midhat Pasa non solo ha tollerato la crescita del sentimento nazionalista arabo, ma ha anche inaugurato miglioramenti in strade e quartieri commerciali, che hanno rafforzato la borghesia locale. L’atmosfera liberale ha incoraggiato Damasceni a sostenere la rivoluzione del 1908 a Istanbul, ma lo scoppio della prima guerra mondiale ha portato una riaffermazione dell’ autorità ottomana. Le truppe ottomane non si sono ritirate da Damasco fino alla fine di settembre 1918, e il 1 ° ottobre le forze arabe guidate da Amir Faisal I ibn Hussein del Hijaz hanno marciato in città a fianco delle unità inglesi imperiali.

Faisal ha immediatamente istituito un governo militare a Damasco e ha seguito la formazione di un Congresso Generale Siriano, che il 7 marzo 1920 ha dichiarato la Siria uno Stato sovrano con Faisal come re. Quando la costituzione della nuova amministrazione civile è andata misconosciuto dalla riunione europea il mese successivo, e la Francia fu incaricata di gestire il paese per mezzo di un mandato della Società delle Nazioni Damasco è esplosa in rivolta, il Congresso Generale ha dichiarato lo stato di emergenza e ha ordinato la formazione di una milizia per aiutare a ristabilire l’ordine.

Nonostante gli sforzi delle autorità siriane, i tumulti popolari persistevano, spingendo l’esercito francese ad occupare la città alla fine di luglio 1920 e a mandare in esilio il re Faisal. Gli scioperi e le manifestazioni sono continuate per tutto il periodo del mandato, il ribelle leader druso Sultan al-Atrash è riuscito a guadagnare terreno nella periferia meridionale durante la rivolta del 1925. I comandanti francesi hanno risposto bombardando Damasco due volte, nell’ottobre del 1925 e aprile 1926. Diciannove anni più tardi, alla vigilia di evacuazione finale della Francia e l’indipendenza della Siria, la città fu bombardata ancora una volta.

Con una popolazione (2002) di 1.368.300, la Damasco contemporanea non è solo la più grande città e capitale della Repubblica araba siriana, ma anche un importante centro industriale e commerciale. La Damascus University, fondata nel 1923, resta l’istituzione più prestigiosa del paese di istruzione superiore, e la al-Asad Biblioteca ospita la più grande collezione della Siria di materiali stampati. L’annuale fiera internazionale, avviata nel 1954, promuove un’ampia gamma di beni siro-made, incoraggiando nel contempo la influente comunità degli affari della città a stabilire un collegamento più stretto con il mondo esterno.

3

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *