Capua gestione rifiuti è già guerra fra FIADEL PROVINCIALE e FALZARANO ECOLOGIA

BY GIOVANNA PAOLINO

A meno di due mesi dall’inizio dell’appalto e’ guerra  tra la Segreteria Provinciale Fiadel – Federazione Italiana Autonoma Dipendenti  Enti Locali – , guidata da Giulio Testore,  e la Ditta Ecologia Falzarano preposta alla gestione dei rifiuti nel Comune di Capua.

Nei giorni scorsi la  ditta Falzarano Ecologia aveva contestato la richiesta della Fiadel e dei lavoratori di svolgere assemblee sindacali retribuite in orario di lavoro.

La Fiadel  Provinciale ha risposto con nota Prot.52/16 del 19 marzo scorso  inoltrata oltre che alla Falzarano Ecologia anche alla  Fiadel Regionale, alla Prefettura di Caserta , alla Commissione Garanzia e Scioperi e al Sindaco di Capua Carmine Antropoli,  nella quale si evidenzia che  ” le assemblee sindacali retribuite in orario lavorativo, sono nella disponibilità dei lavoratori e dell’organizzazione sindacale e certamente  e per fortuna, non è compito  dell’azienda  intervenire su diritti sanciti dalla legge e dal contratto di lavoro, questi,  sono garantiti a tutti, anche ai lavoratori dell’igiene urbana “.

Ma non e’ tutto. La Fiadel  Provinciale parla anche di evidenti violazioni delle norme contrattuali da parte da parte dell’azienda che  da meno di due mesi si e’ assicurata l’appalto con un canone  mensile di circa 240mila euro e che , secondo la Fiadel , ” gia’ a partire dal primo mese non avrebbe rispettato i tempi stabiliti  retribuendo i lavoratori ben oltre il 15o giorno”.

” Siamo fortemente preoccupati – afferma il Segretario Giulio Testore-  per le difficolta’ che i lavoratori potrebbero incontrare nei prossimo mesi dal momento che che un singolo ritardo di  pagamento  mensile, produce un ritardo nella liquidazione delle competenze  ai lavoratori”.

E conclude : ” Rimane in ogni caso a tutelare l’interesse legittimo dei lavoratori”.

                       

                                      

 

 

 

    

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *