Caserta. FdI-AN pronto a spaccarsi. Luigi Cobianchi vuole la candidatura a sindaco.

L' ENIGMA POLITICO DEL BALLERINO ENZO BOVE.

BY GIOVANNA PAOLINO

A Caserta il partito FdI-An sarebbe pronto a spaccarsi .

Queste le notizie che  circolano in citta’ e che sembrano confermare   lo stato agonizzante dell’intero centro- destra casertano.

Il gruppo casertano di FdI-An e ‘ coordinato da Stefano Mariano, Ferdinando Piscitelli, Luigi Bologna , Finizio Di Tommaso, Antonio Villani.  Il coordinatore provinciale, invece,e ‘ Enzo Pagano il quale, fortemente sostenuto dalla base cittadina , aveva iniziato, a partire dallo scorso mese di settembre , una intensa opera di rinnovamento  del partito di Giorgia Meloni  a Caserta.

Secondo questa linea il coordinamento cittadino aveva iniziato la preparazione delle liste da presentare alle amministrative 2016 e , insieme con Gimmi Cangiano e con Enzo Pagano, si era seduto al tavolo del centro-destra per la designazione del candidato sindaco  che avrebbe dovuto essere condiviso dallo schieramento.

Nel mese di febbraio il cambio di rotta. In FdI-An arriva , direttamente da Fi, l’Onorevole Giovanna Petrenga . Un passo in avanti, dunque, per il gruppo casertano.

Ma, da quel momento, all’interno del gruppo sarebbero cominciati i contrasti.

Innanzi tutto , Giovanna Petrenga, che secondo i malevoli sarebbe approdata nel partito di Giorgia Meloni  per garantirsi il seggio parlamentare alle politiche 2018,   a rischio se fosse rimasta in Fi, avrebbe posto il veto alla candidatura di Riccardo Ventre supportata da Fi .

Ma non e’ tutto . Al suo seguito sarebbero approdati in FdI-An anche Luigi Cobianchi, gia’ Consigliere Comunale di opposizione della disciolta amministrazione Del Gaudio, ed Enzo Bove, Presidente dei Giovani Imprenditori  di Caserta. E, se  le voci malevoli avessero ragione, a Giovanna Petrenga serve il Sindaco di Caserta per essere riconfermata Deputato della Repubblica  alle elezioni del 2018.

E qui cominciano i problemi.

Innanzi tutto Luigi Cobianchi il quale avrebbe dichiarato nei giorni scorsi di essere fermamente intenzionato a candidarsi come Sindaco di Caserta per FdI-An.   Questo dimostra , dunque, che sarebbe sfumata la candidatura  del Notaio Vincenzo Di Caprio, di cui si e’ parlato con insistenza nei giorni scorsi.

La dichiarazione di Luigi Cobianchi avrebbe lasciato letteralmente di stucco il coordinamento cittadino e la base che, come detto, in questi mesi,  si sono attivati , insieme con Enzo Pagano,   per la rinascita del partito e per la preparazione delle liste.

Su questo punto Stefano Mariano e il coordinamento sono stati chiari: ” La candidatura di Luigi Cobianchi – avrebbero detto – mette l’intero partito casertano dinanzi ad una scelta irrevocabile poiche’ non tiene conto in alcun modo del nostro impegno politico sul territorio.  A queste condizioni siamo disposti ad andare via dal partito portando con noi le liste dei candidati per le prossime amministrative “.

Una mazzata, dunque, per il partito di Giorgia Meloni a Caserta che , se si realizzasse questa eventualita’, rischierebbe davvero molto.

Altro personaggio di punta di FdI-An potrebbe essere Enzo Bove. Il giovanotto, ultimamente, circola da un partito all’altro, da un movimento all’altro, dichiarandosi disponibile alla candidatura come Sindaco di  Caserta ed asserendo di avere a suo sostegno liste di candidabili.

A Caserta Enzo Bove sembra essere diventato un vero e proprio ” caso politico” : si impegna con Ciro Guerriero di Movimento Caserta in Comune ma anche con Stefano Mariano Coordinatore Cittadino di FdI-An , con Fulvio Campagnuolo e con Marco Cerreto, fino a tentare di coinvolgere nei suoi discorsi e nei suoi programmi politici Adele Vairo. In realta’ gli viene contestata l’assenza di un preciso programma politico ed una assoluta mancanza di coerenza ideologica.

Ma Enzo Bove potrebbe essere , dopo Luigi Cobianchi, la seconda carta da giocare  per il soglio di Palazzo Castropignano, da parte di Giovanna Petrenga.

Come si ricordera’ il nome di Enzo Bove ha cominciato a circolare negli ambienti politici casertani al seguito dell’imprenditore Nino Crispino , che nello scorso autunno era indicato come il candidato Sindaco di Giovanna Petrenga per Fi.

Improvvisamente , il distacco fra il giovane Enzo Bove ed il suo mentore  Nino Crispino, da cui sembra allontanarsi anche la stessa Giovanna Petrenga che, nel frattempo, lascia Berlusconi e si lega alla Meloni.

Sono in molti a dire, tuttavia, che nella lista di Enzo Bove sia candidata anche la figlia di Nino Crispino, il quale per il momento tace .

E se Enzo  Bove, in realta’, approdasse alla fine al suo alveo originario , cioe’ Giovanna Petrenga e  con lei Nino Crispino ? Questo potrebbe significare l’ingresso del rampante giovanotto in FdI-An  con i suoi adepti tra cui anche la stessa figlia di Crispino.

Le domande sono tante ma a tutt’oggi nessuna risposta.

Queste situazioni, tuttavia, stanno logorando il partito cittadino ,  il cui coordinamento e la cui base non intendono sostenere i due seguaci di Giovanna Petrenga, ovvero ne’ Luigi Cobianchi  ne’ Enzo Bove . Al primo si contesta l’arrivo recente nel partito, al secondo una strategia politica eccessivamente  ” ballerina” : in ogni caso nessuno dei due rifletterebbe la vera anima del partito.

Sta di fatto che non si prospetta un futuro semplice per il partito di Giorgia Meloni a Caserta , che , in un primo momento, si era impegnato a sostenere al tavolo del centro-destra Gianni Mancino candidato di Fi dell’area zinziana.

Ci chiediamo : se Stefano Mariano e compagni lasciassero davvero FdI-An per approdare altrove , forse in uno dei contenitori civici che stanno nascendo in citta’,  di quali voti disporrebbe effettivamente il partito a Caserta ?

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *