CELEBRAZIONI DEL 4 NOVEMBRE, L’AMMINISTRAZIONE DI TOMMASO COMMEMORA I CADUTI IN GUERRA E FESTEGGIA L’UNITÀ NAZIONALE NELLA VILLA COMUNALE INSIEME AD ALUNNI, GIOVANI, ANZIANI, REDUCI E COMBATTENTI.

RINASCITA ALIFANA

SINDACO Maria Luisa DI TOMMASO

 IL SINDACO: “ABBIAMO RICORDATO I NOSTRI CONCITTADINI CHE, CON IL LORO SACRIFICIO E SOSPINTI DALL’AMORE DELLA PATRIA, CONTRIBUIRONO A REALIZZARE L’INDIPENDENZA ITALIANA DALLA SCHIAVITÙ STRANIERA”.

Celebrazioni del 4 novembre nei giorni scorsi in città dove la comunità alifana ha celebrato l’anniversario della Vittoria e la Festa delle Forze Armate.

Emozionante la cerimonia svoltasi per commemorare i Caduti di tutte le guerre e coloro che hanno dato la propria vita a difesa della Pace nel Mondo, promossa dall’amministrazione comunale retta dal sindaco Maria Luisa Di Tommaso, che ha visto il raduno dei partecipanti a partire dalle ore 11 nella villa comunale dove il parroco della Cattedrale di Santa Maria Assunta, Don Pasqualino Rubino, ha benedetto la corona d’allora appena deposta dinanzi al Monumento ai Caduti dal primo cittadino che, a seguire, ha tenuto il discorso commemorativo.

Tra i presenti, l’assessore Annamaria Morelli e la consigliera di maggioranza Silvia Di Muccio, i capigruppo di minoranza Salvatore Cirioli ed Enzo Guadagno, i rappresentanti della locale sezione dei combattenti e reduci, del circolo sociale della Terza Età e del Forum Comunale dei Giovani, gli alunni della scuola elementare e media e diversi cittadini che hanno partecipato al momento commemorativo.

“L’amministrazione comunale ha inteso ricordare i concittadini che, con il loro sacrificio e sospinti dall’amore della Patria, contribuirono a realizzare l’Indipendenza Italiana dalla schiavitù straniera.

Il 4 novembre è una data da commemorare affinchè il sacrificio loro e dei nostri soldati, caduti durante le ultime guerre, rimanga impresso indelebilmente nella memoria collettiva

La celebrazione della giornata della festa dell’unità nazionale e delle forze armate, quindi, rappresenta un momento di riflessione sula dura conseguenza di ogni guerra e sulla necessità che i sentimenti di pace, di concordia e di tolleranza tra i popoli diventino, oggi più che mai, norma di vita”, ha dichiarato il sindaco Di Tommaso nel corso del suo discorso ufficiale tenuto ai piedi del Monumento ai Caduti.

Alife, 12.11.2019

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *