CLASSICO CONTEMPORANEO: 24 e 25 agosto Salomè ed i suoi sette veli

Sabato 24 a Domenica 25 agosto Classico Contemporaneo ospita uno spettacolo che ha come punto di partenza “Salomè” di Oscar Wilde, e che si sviluppa in una drammaturgia originale ad opera di Livia Bertè, che in scena interpreta la principessa che decretò la morte di Giovanni Battista. La regia è di Roberta Misticone

 

 

Chiostro di San Domenico Maggiore | Napoli

 

CLASSICO CONTEMPORANEO

direzione artistica

GIANMARCO CESARO & MIRKO DI MARTINO

 

sabato 24 agosto | domenica 25 agosto – ore 21:30

SALOME’ – IL SETTIMO VELO

drammaturgia Livia Bertè

 

con

Livia Bertè (Salomè), Peppe Romano (Erode),Roberta Misticone (Erodiade), Osmany Artigas Cairo (Iokanaan)

Musiche originali Gianluca Rovinello

eseguite dal vivo da

Gianluca Rovinello (arpa e bandurria) Giuliano Colace (violoncello) Osmany Artigas Cairo (percussioni)

 

Regia

Roberta Misticone

 

Lo spettacolo presenta una rivisitazione moderna dell’opera di Oscar Wilde che avviene pur mantenendo alcuni dettagli che rimandano ad un’immagine antica,  ad un ricordo del mondo giudaico del I sec. A. C. In scena ogni azione, ogni emozione, viene mostrata al pubblico con il movimento del corpo e con la forza delle musiche originali scritte dal maestro d’arpa Gianluca Rovinello. I musicisti sono parte della scena, alter ego dei protagonisti dell’opera, Giovanni, Salomè, Erode ed Erodiade. Ogni strumento richiama il carattere di ogni singolo personaggio descrivendolo quindi in modi nuovi ed inusuali, ma che rimandano alla mente qualità intime ed immediate della loro personalità. L’arpa per Giovanni; il violoncello per Salomè e le percussioni per i Tetrarchi.

In questa versione, alla mente dello spettatore, non è chiesto di decodificare codici, come quello linguistico, ma di lasciarsi trasportare e sentire. La storia, in parte rivisitata, lascia spazio a delle interpretazioni più umane, quintessenza della vita reale.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *