COMUNICATO CANDIDATO SINDACO PIO DEL GAUDIO

«A Caserta Rinascimento ha trovato la sua rappresentazione più autentica, una coalizione ampia svincolata dai dogmi di centrodestra e di centrosinistra per la quale la cultura e il bello sono valori fondanti. La guida di un uomo coraggioso, di un vero e proprio esempio come Pio Del Gaudio ci ha indotto a scegliere senza alcun tentennamento questa alleanza». Lo ha detto con estrema chiarezza Cristiano Aresu, numero due del progetto che fa capo a Vittorio Sgarbi in occasione della visita tenuta a Caserta. «Ho conosciuto di persona una squadra di grande qualità con la quale ero già entrato in contatto – ha sottolineato – una squadra in cui il gusto del bello e quello per la cultura consentiranno di far partire la grande industria del turismo su questo territorio. La Reggia, le bellezze artistiche e quelle enogastronomiche vanno messe a sistema. Con quel vulcano di Vittorio Sgarbi e con tutto il gruppo di Rinascimento faremo la nostra parte». Aresu ha portato anche il saluto di Vittorio Sgarbi che si è collegato in video nel corso della visita con i candidati. «Sarò a Caserta per il ballottaggio per sostenere Del Gaudio – ha detto Sgarbi – la Reggia è una grande occasione che non può essere gestita così». Soddisfatto anche il candidato sindaco Del Gaudio. «Ringrazio Cristiano e Vittorio per il sostegno che Rinascimento ci sta dando con i suoi candidati e, soprattutto, per il lavoro che ci aiuterà a fare una volta vinte le elezioni – ha detto Del Gaudio – c’è grande entusiasmo intorno a questa squadra da parte dei casertani che hanno capito la portata del progetto». E’ fiducioso anche il coordinatore Lucio Ariemma. «Il turismo è la più grande industria che può partire per questo territorio – ha ribadito – con tutto il gruppo di Rinascimento metteremo in campo un progetto di valorizzazione della città che ci permetterà di guadagnare una dimensione internazionale e di creare occupazione e sviluppo».

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *