Comunicato E.M.P.A.

FRATTAMAGGIORE – I Carabinieri della locale Stazione, dopo alcune segnalazioni pervenute di detenzione di animali protetti in collaborazione con le guardie zoofile E.M.P.A. (Ente Mediterraneo Protezione Animali) del Nucleo Provinciale di Napoli, predisponevano nella giornata odierna un servizio per controllare la segnalazione pervenuta.
Giunti sul posto le Guardie insieme ai Carabinieri predisponevano un controllo all’interno del terreno recintato, durante il controllo venivano ritrovate diverse gabbie con all’interno Cardellini della specie (Carduelis Carduelis) altamente protetta, vista l’ormai grossa esperienza le Guardie Zoofile notavano che il soggetto utilizzava una rete per la cattura posizionata in maniera totalmente occulta da non destare alcun sospetto. Le Guardie inoltre notavano che suddetta era ampiamente funzionante e pronta alla cattura di altri esemplari, alcuni dei quali già precedentemente catturati fungevano invece da richiamo.
Immediatamente le autorità giunte sul posto predisponevano il sequestro degli animali e della rete pervenuta, i cardellini catturati e presenti nelle gabbie venivano liberati subito in località idonea proprio per evitare ulteriori traumi e sofferenze legate appunto alla detenzione in cattività.
Viene denunciata in stato di libertà una persona del posto di 57 anni per uccellagione e detenzione di animali altamente protetti alla Procura della Repubblica di competenza.
L’intera operazione è stata coordinata dal Comandante di Stazione Maresciallo Capo Montinaro Marcello .
Il Vice Capo Nucleo delle Guardie Zoofile dell’E.M.P.A. RENIS Fabrizio aggiunge: che i cardellini sono una merce preziosa. La loro cattura e compravendita alimentano un vero e proprio racket, nel Napoletano soprattutto. Un commercio illegale , su cui spesso si stende l’ombra della criminalità organizzata , fatto di bracconieri, cacciatori e grossisti pronti a tutto: da rapire esemplari rari a maltrattarli e ucciderli.
Vi è anche una curiosità che non tutti sanno su questa specie di uccelli, infatti si crede che la macchiolina rossa sulla fronte sia goccia del sangue di Cristo: perciò il cardellino si ritrova nei presepi di San Gregorio Armeno, nelle commedie di Eduardo De Filippo, nelle canzoni di Roberto Murolo. Fa parte della cultura locale: in provincia, ci sono paesi che si chiamano appunto Cardito e Carditello.
Gli animali grazie ai Carabinieri e le Guardie Zoofile sono ritornati in libertà come da loro natura.
Le Guardie Zoofile dell’E.M.P.A. ringraziano l’arma dei Carabinieri per la fattiva e celere collaborazione.

1

2

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *