Comunicato Stampa del Rettore del Convitto Nazionale Statale “Giordano Bruno” sui docenti

Rettore, del Convitto Nazionale Statale, “Giordano Bruno”, sui docenti

Dal Convitto Nazionale “G. Bruno”   Maddaloni

Alla Stampa Locale Caserta e dintorni

Credo che saremo tutti contenti e raggianti( soprattutto i precari storici della scuola) nel sapere che abbiamo ben 2007 docenti di religione in Campania (825 alle superiori e 1182 alla primaria).

Siamo arcicontenti che questi docenti, il cui unico merito spesso è stato solo quello di essere parenti di monsignori e vescovi, e di aver preso un diplomino di non grande valore ad uno dei tanti Istituti Superiori Religiosi.

Quando vedo gli sforzi che devono fare i nostri giovani per vincere una cattedra, i concorsi veri perché aperti a tutti, che devono affrontare, mi domando perché in Italia ci debbano sempre essere alcuni più uguali degli altri. Che poi, da dirigente scolastico devo dire che questi docenti vanno per proprio conto: sono IRC cioè insegnanti di Religione Cattolica per definizione, ma, con la scusa che non devono fare i catechisti, non insegnano ai nostri alunni nemmeno a riflettere sul Padre Nostro: sono tuttologi che si improvvisano psicologi, sociologi, studiosi di religioni comparate e quant’altro, e poi i nostri ragazzi hanno ormai perso contatto con una fede che pure dovrebbe essere nel nostro DNA.

Abbiamo capito che da molti la scuola è considerata una specie di comodo parcheggio dove poter comodamente poltrire, ma i generosi tentativi di riforma e le iniziative che a tutti i livelli si vanno facendo per avere una scuola più centrata sul processo educativo, più aperta all’insegnamento di quei valori che, soli, possono essere un ostacolo al terrorismo violento e al relativismo egoistico sono destinati a fallire dinanzi alla logica veterodorotea del “quieta non movere”.

Maddaloni,5/7/2016

IL RETTORE                                                                                                           Prof. Michele Vigliotti

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *