Comunicato Stampa Fi. Club Maddaloni

Cristian Villano e Daniele Petrillo, in forza alla Fi. Club Maddaloni guidata dal maestro Luigi Fiorinelli, in queste ore si stanno aggregando ai raduni nazionali di karate, in vista di imminenti impegni internazionali. Cristian Villano, casertano di San Leucio, classe 2004, si unirà alla squadra di kata alla volta di Rijeka (Croazia). Parliamo di uno che gli addetti del settore definiscono “astro nascente” della nazionale giovanile. Cristian gareggerà nei kata al Croatia Open 2019. Il torneo croato inizierà sabato e finirà domenica. Ha già raggiunto Rende, in provincia di Cosenza, Daniele Petrillo, di Casagiove, classe 1999, che parteciperà al seminario di preparazione in vista dei campionati mondiali universitari che si terranno l’anno prossimo a novembre in Brasile. Anche Daniele sarà impegnato nella specialità dei kata, ovvero un insieme codificato di tecniche di pugno, patate, calci i in sequenza definita. I risultati di Cristian e Daniele sono il frutto del duro lavoro svolto in palestra con il maestro Luigi Fiorinelli, ormai in istituzione nel panorama regionale e non solo. “Sono contentissimo ed orgoglioso dei miei atleti – afferma con gioia il maestro Fiorinelli – e non posso che augurare loro un grosso in bocca al lupo. Questa seconda metà dell’anno, per i due ragazzi, si presenta molto impegnativa, ma si sa che l’impegno alla fine viene sempre ripagato ed entrambi si sono allenati con la giusta determinazione”.

Petrillo ritorna da un impegno internazionale in Perù, sempre con la nazionale, dove ha ottenuto l’argento; a fine novembre sarà inoltre impegnato alla premier league in Spagna, in vista delle Olimpiadi, dove gareggeranno solo i primi 100 del ranking mondiale e Daniele è 86esimo. Del resto Petrillo è campione nazionale a squadra in carica, titolo che difenderà il 12 ottobre. Villano, invece, è alla sua prima convocazione in nazionale, ma già si punta su di lui per i prossimi europei juniores di febbraio 2020.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *