COMUNICATO STAMPA PROGETTO COVID CAMPANIA

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS CAMPANIA

E’ online solo da pochi giorni ma ha già collezionato due versioni di aggiornamento e migliaia di visite al sito web, oltre a centinaia di preferenze sulla pagina facebook “Aggiornamenti Coronavirus Campania”, con un trend in costante crescita.

Parliamo del progetto www.covidcampania.it, nato da un gruppo di giovani informatici, forti delle loro abilità di sviluppo software, design e gestione dati. E’ stato sviluppato un po’ per gioco e per combattere la noia delle serate di inizio primavera, affermano gli autori sui social, chiusi in casa per colpa della quarantena, con lo scopo di offrire un servizio alla comunità. Il portale è proiettato a diventare un punto di riferimento per tutti i cittadini che, oggi più che mai alla soglia della fase 2, vogliono restare informati e consapevoli della situazione. Dietro la realizzazione di questo portale ci sono due aziende giovani ma autorevoli della realtà tecnologica campana: la PIXXA SRL, startup innovativa ad alto valore tecnologico finanziata dalla Regione Campania, e la ICT AND MORE, società che dal 2006 si occupa di sviluppi software per il Web e per il Mobile.

Il portale, reso disponibile in un primo momento solo agli amici e conoscenti, in qualità di early adopter, con lo scopo di raccogliere segnalazioni e suggerimenti per migliorarne l’usabilità e l’esperienza ha raccolto tante critiche costruttive, a fronte delle quali è stata subito rilasciata una seconda versione migliorata, che adesso è disponibile a tutti.

Il prossimo passo sarà quello di coinvolgere tutti i Sindaci affinchè, nell’attesa che tutte le ASL della Campania pubblichino dati ufficiali, validino quotidianamente i dati in possesso relativi ai comuni di appartenenza e si impegnino a segnalare eventuali cambiamenti sulla base del totale positivi, delle persone guarite, ricoverate, in isolamento o purtroppo decedute.

Alcune dichiarazioni, a nome di tutto il gruppo di lavoro, dai due founder e CEO delle società che hanno sponsorizzato il portale, Mariella Ferrara (PIXXA) e Nello Scialla (ICTandMore):

“Sembra che questo strumento sia arrivato a fine corsa, quando ci si illude di essere fuori dall’emergenza. La realtà purtroppo è che ci toccherà avere a che fare ancora per molto con i numeri dei contagiati, con i focolai locali e con il monitoraggio dei posti della terapia intensiva. Dal mese prossimo tra l’altro si accenderanno i riflettori anche su un altro dato importante: il numero dei test sierologici effettuati e delle persone con anticorpi.”

“Dal momento che non era stato realizzato nulla del genere, perché tutti erano impegnati ad inseguire la fantomatica APP di tracciamento, abbiamo iniziato a lavorare ad un progetto web che facesse una cosa semplice: aggregare tutte le informazioni relative ai contagi, non solo per la Regione ma anche per le province ed i singoli comuni della Campania. Una impresa ardua perché, ad eccezione di poche realtà virtuose (Caserta e Benevento) nemmeno le ASL di competenza sembra che abbiano la certezza dei dati di quello che succede, dal momento che non rilasciano report ufficiali.”

Il nostro obiettivo è sensibilizzare gli utenti nel contrasto alla diffusione del Coronavirus sul territorio ma anche quello di dare evidenza, attraverso i numeri, che la Regione Campania, come Istituzione e come comunità in termini di popolazione, è stata tra le più virtuose nella gestione dell’emergenza, per quanto si blateri in giro e nelle trasmissioni televisive.

Ribadiamo che il progetto nasce senza una finalità di lucro, infatti non sono presenti nemmeno delle inserizioni pubblicitarie, con il solo scopo di fornire un servizio alla Comunità. Sarebbe molto bello ed avrebbe un grande significato simbolico se la Regione patrocinasse questa iniziativa e ci desse una mano, mettendoci a disposizione dei dati ufficiali, per fornire un servizio sempre migliore ai concittadini campani.

www.pixxa.it info@pixxa.it
www.ictandmore.it info@ictandmore.it

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *