COMUNICATO STAMPA – SINISTRA ITALIANA CASTEL VOLTURNO

Attivato al Comune di Castel Volturno il REI (Reddito di inclusione sociale). Misura per combattere la povertà.

È stato attivato anche a Castel Volturno, a partire dal primo dicembre, il Reddito di Inclusione (REI), misura di contrasto alla povertà sotto forma di sussidio alle famiglie in difficoltà.
L’Assessora Rosalba Scafuro (SI) dichiara: “L’amministrazione ha promosso e richiesto al nuovo coordinatore dell’Ambito Eduardo Vignale una riunione lo scorso giovedì per tutti i chiarimenti relativi al REI. Nella stessa giornata abbiamo indetto un incontro con i patronati del territorio per trasferire tutte le informazioni per le richieste di sussidio. Sono stati incontri molto proficui e soprattutto abbiamo acquisito la piena disponibilità a collaborare. Già il 1° dicembre, primo giorno per fare richiesta, almeno 70 persone si sono presentate agli sportelli per avere informazioni necessarie all’inoltro delle domande. Nonostante le esigue forze, i servizi sociali porteranno avanti questo lavoro, sostenuti da una amministrazione che della lotta alla povertà ha fatto un proprio cavallo di battaglia”.
***
Di seguito una scheda informativa sul funzionamento del REI.
Il REI si compone di due parti: 1. Un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica;
 2. Un progetto personalizzato, di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento delle condizione di povertà. Per accedere bisogna avere:
 Requisiti di residenza e soggiorno.
 Il richiedente deve essere congiuntamente:
− Cittadino dell’unione o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, o apolide o titolare di protezione internazionale in possesso dei prescritti requisiti;
− Residenti in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento della presentazione della domanda.
 Requisiti familiari
 Il nucleo familiare deve trovarsi in almeno una delle seguenti condizioni: − Presenza di un minorenne;
 − Presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore o un suo tutore;
 − Presenza di una donna in stato di gravidanza accertata (nel caso in cui sia l’unico requisito familiare posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto e deve essere corredata da documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica);
 − Presenza di un componente che abbia compiuto 55 anni con specifici requisiti di disoccupazione.
 Requisiti economici
 Il nucleo familiare deve trovarsi congiuntamente nelle seguenti condizioni:
 − Un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6 mila euro;
 − Un valore ISRE non superiore a 3 mila euro;
 − Un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20 mila euro;
 − Un valore del patrimonio mobiliare non superiore a 10 mila euro (ridotto a 8 mila euro per la coppia e a 6 mila euro per la persona sola) .
 Altri requisiti
 Per accedere al REI è inoltre necessario che ciascun componente del nucleo familiare:
 − Non percepisca NASPI o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;
 − Non possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta;
 − Non possieda navi e imbarcazioni da diporto.
Ciò premesso, i cittadini interessati, in possesso dei requisiti richiesti, potranno presentare le domande a partire dal 1° dicembre 2017, direttamente al Comune di residenza che, successivamente, provvederà ad inoltrarle all’Inps, ai fini della verifica automatica delle condizioni previste dal Decreto n. 147 del 15 settembre 2017.
Il modulo dell’istanza è scaricabile dai siti istituzionali dei Comuni dell’Ambito Territoriale C10 e comunque disponibile presso gli Uffici dei Servizi Sociali degli stessi Enti.
All’istanza, debitamente compilata, dovrà essere allegata la seguente documentazione: − Fotocopia del documento di identità in corso di validità;
 − Fotocopia del codice fiscale o della tessera sanitaria;
 − Attestazione ISEE in corso di validità completa di DSU; − Certificato di disoccupazione, qualora il dichiarante si trovi in tale condizione.
 Le domande saranno valutate in ordine cronologico, in base alla data di presentazione, a partire dal 1° dicembre 2017. Il Reddito di Inclusione verrà erogato a partire dal 1° gennaio 2018 e sostituirà il Sia.
Per il comune di Castel Volturno, ci si può rivolgere anche ai CAF convenzionati con il Servizio Sociale dell’Ente, che saranno lieti di fornire tutte le info e chiarimenti utili.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *