CONDIVISIONE E AMORE PER LA LETTURA AL CENTRO DEL NUOVO PROGETTO CULTURALE ONLINE

PROPOSTO DA ARTEMISIA, ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI GRAZZANISE
                         ________________________
Una nuova rubrica, dal titolo” I LIBRI TI LEGGONO”, debutta  il prossimo 10 febbraio sui canali social dell’ Associazione Artemisia APS. Una iniziativa che, attraverso la condivisione, vuol  promuovere l’amore per la lettura.
Questa prima edizione, pronta al varo, prevede due appuntamenti settimanali, vale a dire, il lunedì e il giovedì, alle ore 21:00 e attraversa in modo trasversale tutto il panorama umano, senza distinzioni di età o condizioni sociali, offrendo contenuti variegati accomunati dalle sole finalità di condividere momenti di formazione culturale, suggerire spunti di riflessione e incentivare ad avvicinarsi al mondo dei libri.
“I LIBRI TI LEGGONO”, ospiterà appassionati e amanti dei libri quali strumento di conoscenza, evasione e crescita che, con le loro testimonianze, condivideranno esperienze e consigli di lettura. Il protagonista lettore narrerà l’incontro avuto col libro che  lo ha  segnato, che ha toccato la propria intimità permettendogli di riconoscersi nelle sue pagine e identificare quell’evento come un momento di crescita.
<Questo progetto sta molto a cuore alla nostra Associazione> ha dichiarato la Sig.ra Simmaca Miele,  Presidente di Artemisia APS <Siamo convinti che, in questo tempo,  ci sia bisogno di ritrovare l’incontro  con il libro. Un libro è un mistero senza fine, un incontro magico tra chi ha scritto e chi legge e dal quale la vita, in qualche modo, si arricchisce. Leggere – ha concluso la Presidente –  è un’esperienza che può coinvolgere fino al sentirsi letti e il progetto “I libri ci leggono” vuole mettere in luce, in modo particolare, proprio questo aspetto.>
Gli interventi resteranno disponibili alla visione sulle pagine social dell’Associazione, ovvero:
Facebook  – Artemisia APS   
Instagram  – artemisia_aps

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *