Contratti difformi Negli appalti di opere pubbliche del Mibact

Negli appalti di opere pubbliche del Mibact, ai lavoratori e alle lavoratrici, viene applicato un contratto difforme con quanto stabilito dal nuovo codice degli appalti.   

          Per gli operatori del restauro, vero patrimonio di competenze e professionalità non adeguatamente riconosciuta, non è applicato il contratto nazionale edile sottoscritto dalle organizzazioni maggiormente rappresentative, ma quello sottoscritto da Finco e UGL, che declassa i lavoratori, fa perdere diritti e salario già acquisito da decenni dai lavoratori del settore.

 

In questi cantieri i restauratori percepiscono stipendi inferiori a quanto previsto dal contratto edile per centinaia di euro.

 

            Un contratto che rischia di “penalizzare ulteriormente chi è già vessato dalla precarietà”, con l’elusione di norme fondamentali a tutela della sicurezza e della giusta retribuzione.

          La Reggia di Caserta, che rientra nel patrimonio artistico e culturale del nostro paese, è tra le opere commissionate dal Mibact.

          Anche qui i lavoratori impegnati nella realizzazione di tale opera subiscono violazioni legislative e contrattuali come mancato pagamento delle spettanze dovute, mancato riconoscimento di diritti costituzionali come malattia ed infortunio, sottrazione di salario accessorio come gli assegni familiari e addirittura mancati rimborsi fiscali.

          La FILLEA CGIL ha chiesto alla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania, nella persona  del Direttore Regionale e dell’Ufficio della Direzione Lavori, un incontro con l’Impresa appaltatrice ReseArch Consorzio Stabile e l’Imprese esecutrice Vanvitelli scarl, senza ricevere alcuna disponibilità.

          LA LIBERTA’, LA DEMOCRAZIA E LA DIGNITA’ DEI LAVORATORI SI MISURANO CON IL RISPETTO DELLA PERSONA E IL RICONOSCIMENTO DEI DIRITTI LEGISLATIVI E CONTRATTUALI.

 

FILLEA CGIL CASERTA e CAMPANIA

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *