Da Caserta a New York, nuovamente un casertano al Festival della Musica Italiana: Martino Nacca

CASERTA – NEW YORK – Il Festival della Musica Italiana di New York porta in finale 10 nuovi talenti con brani inediti selezionati in tutto il mondo, cinque provenienti dall’Italia come vincitori di altrettanti Festival e altri cinque dal resto del pianeta.

Si tratta del secondo Festival della canzone d’autore italiana più grande al mondo, dopo quello di Sanremo, che giunge alla sua nona edizione l’11 settembre 2016.

Tra i 10 finalisti c’è anche il Maestro Martino Nacca, un cantautore dalle origini casertane (la famiglia d’origine è di Macerata Campania/Portico di Caserta) che vive in Brasile. La sua canzone, “Dimmi perché”, prende ispirazione dagli anni d’oro italiani, dal miracolo economico in poi, quando i jukebox animavano le calde estati Italian style.

Il ritmo del brano ha un sapore latino e le parole suonano di romantica ironia, proprio come alcune canzoni di quegli anni. Nacca racconta «Mia madre, che ha vissuto la propria giovinezza ed il primo amore proprio in quegli anni, ha creato l’introduzione a questo brano, pronunciando “Dimmi perché” mentre creavo la musica e, da lì, ho scritto il resto.

Quindi devo anche a Lei questo successo, perché, essere uno dei 10 finalisti a New York, è già un successo di questo mio nuovo percorso artistico che mi presenta come cantautore».

L’evento, che vedrà la partecipazione di noti artisti, come Pupo e Paolo Vallesi, si terrà al Master Theater di New York alle ore 15:30 locali e si potrà seguire la manifestazione in diretta su radio ICN a partire dalle 21:30 italiane di domenica 11 settembre 2016.

 

È possibile seguire gli aggiornamenti dalla Pagina Social Ufficiale “Nacca” https://www.facebook.com/naccaofficial/ o dall’evento social “Festival della Musica Italiana di New Yorkhttps://www.facebook.com/events/166398803791936/  .

 

 

Caserta, lì 1 settembre 2016

Ufficio Stampa

 

1

2

4

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *