De Matteis (M5S), neanche nell’ultima seduta del Consiglio è stato portato il Regolamento sui beni confiscati

Martedì 30 luglio 2019 ultima seduta del Consiglio prima delle ferie estive. All’Ordine del Giorno manca il Regolamento sull’utilizzo dei beni confiscati alla criminalità pronto da oltre un anno ma la quinta Commissione consiliare la tiene chiusa in un cassetto. Il disappunto del portavoce in consiglio comunale del Movimento 5 Stelle Federico De Matteis.

Il Presidente del Consiglio, Fabio SCHIAVO, dopo la riunione dei capigruppo consiliari, ha convocato, prima delle ferie estive, la seduta del Consiglio comunale in seduta pubblica, sessione ordinaria ed in prima convocazione, per martedì 30 luglio 2019, alle ore 19.00 ed il giorno seguente, mercoledì 31 luglio 2019 alle ore 19.00, per discutere ed approvare i seguenti quattro punti all’Ordine del Giorno: 1°) Lettura ed approvazione della seduta precedente; 2°) Ratifica variazione di bilancio ex art. 175 comma 4 del TUEL – Delibera di Giunta Comunale nr. 70 del 25.06.2019; 3°) Assestamento generale di bilancio e salvaguardia degli equilibri per l’esercizio 2019 ai sensi degli artt. 175, comma 8, e 193 del D.Lgs. n. 267/2000; 4°) Linee di indirizzo per la concessione della gestione del Centro Sportivo “TUTTO TENNIS” – Via Quasimodo. Tuttavia, il consigliere Federico De Matteis lamenta la mancata presentazione in Consiglio comunale del Nuovo Regolamento (composto da 15 articoli)  sui Beni Confiscati alla Criminalità Organizzata che la 5^ Commissione Consiliare Permanente del Comune di San Nicola la Strada ha completato già nel mese di NOVEMBRE 2017. De Matteis ha sottolineato che tale Regolamento, sebbene il comune sannicolese non sia al momento destinatario di nessun bene confiscato, è assolutamente importante. “Il comune di San Nicola la Strada fa parte della Provincia di Caserta a forte presenza di criminalità organizzata. Al momento non possiamo sapere se e quando potremmo essere destinatari di un bene confiscato nel qual caso dovremmo farci trovare preparati. Il Regolamento” – ha aggiunto il pentastellato – “permetterà di assegnare i beni in maniera corretta, senza correre il rischio che possano essere utilizzati in maniera diversa da quanto stabilito dalla legge”.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *