Delitti d’Italia, la psicologa Lombardo al convegno sul “Mostro di Foligno”

Università Pegaso, 12 Gennaio, ore 15, in Piazza Trieste e Trento, 48, Napoli

 CASERTA. Ci sarà anche la psicologa e psicoterapeuta casertana Anna Lucia Lombardo tra i relatori del pomeriggio di studi su Luigi Chiatti, noto alle cronache giudiziarie come il “mostro di Foligno”. Il convegno, organizzato dall’Università Pegaso, si terrà il 12 gennaio, alle 15, al civico 48, in piazza Trieste e Trento, a Napoli. Chiatti fu arrestato nel 1993 e condannato a 30 anni di reclusione per l’uccisione di Simone Allegretti, di appena 4 anni, e di Lorenzo Paolucci, di 13. Ritenuto semi-infermo di mente e soggetto socialmente pericoloso, una volta scontata la pena dovrà trascorrere un periodo in OPG. «A giugno, l’uomo potrebbe essere un uomo libero», commenta Lombardo. «Uccidere è nel mio DNA, una volta uscito dal carcere potrei uccidere ancora». È quanto ha dichiarato Chiatti. «Inquietante – prosegue la psicologa – è anche il contenuto delle lettere che ha scritto durante la detenzione. È comprensibile, quindi, che ci sia allarme da parte della magistratura, delle istituzioni e delle associazioni per la tutela e la difesa dei bambini». Il dibattito si articolerà intorno ai complessi rapporti tra giustizia e responsabilità sociale. «Ci interrogheremo – aggiunge Lombardo – su quali iniziative verranno attivate dagli organi competenti al fine di predisporre misure terapeutiche adeguate». Tra gli ospiti, il caporedattore della Rai Umbria Alvaro Fiorucci, autore del libro biografico Luigi Chiatti “Il Cacciatore di Bambini”; Francesco Fimmarò, direttore scientifico della Pegaso, Calogero di Carlo, docente dell’università telematica; Domenico Cesaro, avvocato penalista; e Vincenzo Tarantino, presidente internazionale del Centro di grafologia medica. Il pomeriggio di studi sarà moderato da Massimiano Sciascia, avvocato e docente di Diritto amministrativo.

Caserta, 10 gennaio 2015

 

 

4

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *