Documento richiesta convocazione Direzione Provinciale PD Caserta

L’intervista rilasciata da Vitale certifica in maniera definitiva la sua totale mancanza di consapevolezza nell’affrontare i temi politici che lo circondano. Il “segretario” del PD, dopo mesi di silenzi ed assenze, si è arrogato il diritto di battere un colpo ad agosto. Vitale dimentica che si è mantenuto in sella per soli tre voti e che ha impiegato oltre un anno (caso unico in Italia) per fare la direzione provinciale. Ora, quello che Vitale ha da dire lo faccia proprio in questo organismo, deputato alla discussione e che va ben oltre anche le stesse componenti politiche.
Il “segretario” ha lasciato il PD casertano nella più totale mancanza di coordinamento, tenendosi lui unilateralmente lontano dai livelli istituzionali e dalle esperienze di governo. A periodi, poi, tira fuori i uno strano concetto di territorio, spesso invece abbandonato dallo stesso Vitale , con l’incapacità di fare del PD un luogo in cui le parole “insieme” e “ comunità” siano basi essenziali per le sfide comuni.
Se ne ricava che queste sue responsabilità , aggiunte alla mancanza di una qualsivoglia discussione ed approfondimento nella sede deputata, renderebbero e rendono ogni suo atto non utile e ulteriormente divisivo.
Vitale si informi ogni tanto e capisca che lo stesso Matteo Renzi, prima delle decisioni importanti del PD, convoca e fa discutere per poi decidere la Direzione Nazionale. Il PD ha bisogno di rimettere al centro della sua azione politica una discussione e decisioni conseguenti circa la sua funzione per Terra di Lavoro. Riteniamo quindi ineludibile, aldilà di nomine o pseudo organigrammi, la preliminare e non più rinviabile convocazione della Direzione Provinciale del PD.
E’ ora che Raffaele Vitale si rimetta, senza timori e senza trucchi, alla discussione democratica del Partito.

Caserta, 4 agosto 2015

Rifare l’Italia Caserta
Laboratorio Democratico Caserta
Area Riformista Caserta
Area Renzi Picierno – Oliviero

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *