“ELENA DEL MONTENEGRO REGINA DI CARITÀ E DI PACE” CASTELLO DI COLLEGNO, 21 MAGGIO 2023

INVITO

Grazie all’ospitalità della famiglia dei Baroni Guidobono Cavalchini, nel 150° anniversario della nascita della seconda Regina d’Italia Elena del Montenegro Rosa d’oro della Cristianità l’Associazione Internazionale Regina Elena Odv ed il Coordinamento Sabaudo organizzano una nuova mostra presso il Castello di Collegno, ingresso da via Alpignano 2, con il seguente programma: ore 15.30 Nella Reale Certosa, deposizione di una corona d’alloro presso il Sacello dei Cavalieri dell’Ordine Supremo della SS.ma Annunziata restaurato dall’Associazione Internazionale Regina Elena ore 16.00 Inaugurazione della mostra allestita presso il Castello dal Cav. Pierangelo Calvo Nel Castello: – saluti istituzionali del Barone Guglielmo Guidobono Cavalchini e del Sindaco di Collegno Francesco Casciano; – saluto del Presidente dell’Associazione Internazionale Regina Elena Odv, Ilario Bortolan; – saluto della Delegata Nazionale e Presidente del Comitato “Italia-Montenegro” Maria Coculo Satta; – commemorazione della Presidente del Coordinamento Sabaudo, a cura di Milo Ferrua; – intervento della scrittrice e giornalista Dr. Cristina Siccardi. Sarà presente l’Associazione San Lorenzo, Contea di Collegno Informazioni e prenotazioni entro il 19 maggio 2023: airh.onlus@gmail.com Il Castello di Collegno fu edificato dal Beato Conte di Savoia Umberto III verso il 1171, il primo Principe sabaudo sepolto presso l’Abbazia di Altacomba fondata per volontà di suo padre Amedeo III, morto Crociato a Nicosia. L`originario impianto comprendeva cinque torri a pianta circolare a cui si accedeva attraverso un ponte levatoio. Nel corso del XIII secolo venne in gran parte distrutto e poi ricostruito alla fine del secolo a opera di Guglielmo VII di Monferrato. Appartenne al ramo dei Principi d`Acaja di Casa Savoia, Conti di Collegno, fino all`estinzione. Il Duca di Savoia Carlo Emanuele I, fondatore della Basilica di Vicoforte, concesse nel 1599 il feudo a Giovanni Francesco Provana di Carignano primo Conte Provana di Collegno. Il figlio Ottavio iniziò i lavori di ampliamento con una parte che rivela una forte presenza dell`architetto Guarino Guarini. Le guerre rallentarono le opere, che ripresero su progetto di Filippo Juvarra dopo il 1720, e furono terminate poi dall`architetto Alberto Talucchi, riducendone le dimensioni ma rispettando le indicazioni juvaresche

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *