Elezioni Amministrative, Bove: senza area vasta casertana è inutile pensare di competere con l’area metropolitana di Napoli

“Per poter veramente considerare – dichiara il candidato sindaco per la lista Città Futura Enzo Bove – il rilancio del territorio casertano è necessario avere una visione della città ad ampio raggio. In questa campagna elettorale sento gli altri competitor parlare di fondi europei, ma nessuno spiega il metodo e nessuno mette in evidenza che alla luce della soverchiante realtà dell’area metropolitana di Napoli, un’ entità di oltre tre milioni di persone, avente pari dignità costituzionale dello Stato e della stessa regione, non può limitarsi ad amministrare la città, ma deve trasferire la sua autentica visione di sviluppo in un sistema territoriale più ampio che sappia raggruppare una vasta area casertana comprendente le realtà limitrofe e con esse armonizzare un modello capace di competere con l’area metropolitana di Napoli, di cui nessun candidato parla, non perché non la conosce, ma perché non ha una visione con la quale affrontare la sfida alla quale pur saremo chiamati. Se eletto sindaco vorrò capeggiare, in sinergia con gli altri sindaci,  una conurbazione  che da Caserta si estende da Maddaloni, Marcianise fino a Capua, questo consentirà di sviluppare progetti a maggiore portata organica, di ampliare le reti logistiche e sviluppare quelle dei corridoi strategici, di attrarre investimenti ed avere un sbocco interportuale a mare. E cosa di non poca importanza di affrontare il nodo dei finanziamenti e della premialità con una ponderale territoriale e demografica degna di autentica attenzione da parte dei partner istituzionali. Gli interventi devono essere mirati in particolar modo a migliorare la qualità della vita per il cittadino intendendo maggiori servizi in trasporti, impatto ambientale sicurezza, politiche sociale. È su questi temi che mi piacerebbe il confronto con gli altri candidati a sindaco.”

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *