Equinozio autunno 2022 tra riti e misteri. Dai druidi alle piramidi Maya

Nell’antichità l’arrivo dell’autunno era uno dei momenti più significativi dell’anno, da celebrare con feste e culti molto sentiti

Equinozio d'autunno 2022

L’equinozio d’autunno, che quest’anno cade il 23 settembre, era un appuntamento che aveva un posto speciale tra le festività dei popoli antichi. Per il mondo agricolo, il passaggio dall’estate all’autunno coincideva con la raccolta degli ultimi frutti della terra indispensabili per prepararsi alla stagione più fredda. Il cambio di stagione era quindi un momento solenne e carico di significati spirituali, che veniva accompagnato da riti e tradizioni di vario tipo.

Ad Atene in questo periodo dell’anno si celebravano ad esempio le Tesmoforie, delle feste in onore di Demetra, dea del grano e dell’agricoltura, nonché artefice del ciclo delle stagioni. Un culto simile, nato per omaggiare il prodotti della terra e salutare l’arrivo del freddo, ricorreva anchetra i Celti, che collegavano l’equinozio autunnale alla figura di Mabon, dio della giovinezza, della vegetazione e dei raccolti. Per i druidi questa ricorrenza prendeva invece il nome di Alban Elfed (“luce d’autunno”) o Alban Elued (“luce dell’acqua”), e sanciva una temporanea pausa della fatiche nei campi in favore di un periodo di maggiore riposo.

In Messico, a Chichen Itza, sorge la piramide maya di Kukulkan, nota anche come El Castillo, che in occasione dei due equinozi dà vita da circa un millennio a uno spettacolare gioco di luci e ombre. Quando nel tardo pomeriggio il sole illumina la struttura si crea infatti la forma di un serpente piumato, che rappresenta il dio Kukulkan, la cui sagoma “ondeggiante” sembra strisciare sullo sfondo dell’edificio.

Nella tradizione cristiana l’equinozio di settembre è legato a San Michele Arcangelo, simbolo, tra le altre cose, di cambiamento e liberazione, ma anche della capacità di discernere tra il bene dal male.

Equinozio d’autunno 2022: data, ora e altre cose da sapere

Addio estate: si avvicina l’appuntamento con l’equinozio di settembre, che dà ufficialmente il via all’autunno astronomico

23 settembre 2022, giorno dell'equinozio d'autunno

23 settembre 2022, giorno dell’equinozio d’autunno

Oggi venerdì 23 settembre 2022 l’equinozio d’autunno segna come di consueto lo spartiacque tra l’estate e la stagione autunnale. L’inizio del cosiddetto autunno astronomico coincide con una delle due giornate dell’anno in cui le ore di luce e le ore di buio risultano uguali. A suggerirlo è l’etimologia stessa della parola equinozio, che deriva dal latina aequinoctium e significa appunto “notte uguale (al dì)”.

Equinozio: definizione e ora esatta

L’equinozio definisce il momento del moto di rivoluzione della Terra in cui il Sole si trova allo zenit dell’equatore. Detto in altro modo, durante questo evento astronomico un ipotetico osservatore posizionato sulla linea dell’equatore vedrebbe il sole perpendicolare sopra la propria testa. Quest’anno l’istante preciso in cui si verificheranno queste condizioni è fissato il 23 settembre alle 3:03 ora italiana.

Luce e buio

L’equinozio ricorre due volte all’anno, a marzo e a settembre. In entrambe le occasioni si alternano all’incirca 12 ore di luce e 12 ore di buio. Superato l’equinozio d’autunno, nell’emisfero boreale il buio prende il sopravvento e le giornate si accorciano sempre di più, fino ad arrivare al solstizio d’inverno (quest’anno il 21 dicembre) che coincide con il giorno più corto dell’anno.

Data mobile

L’equinozio di autunno cade di solito il 22 o il 23 settembre, e in qualche rara occasione anche il 21 o 24 settembre. Gli slittamenti sono causati dal fatto che tra il nostro calendario e il tempo impiegato effettivamente dalla Terra per giro completo intorno al Sole c’è una piccola ma significativa differenza: 365 giorni contro 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 6 secondi. Per evitare che il divario provochi anche il progressivo spostamento delle stagioni, ogni quattro anni entra in gioco il “trucco” dell’anno bisestile che ha lo scopo di rimettere a posto le cose.

Equinozio d’autunno 2022, perché è il 23 settembre

Quando inizia l’autunno astronomico? Ecco perché l’equinozio di settembre non cade sempre lo stesso giorno

featured image

L’equinozio d’autunno 2022 cade il 23 settembre

Il 23 settembre, alle 3:03 ora italiana, l’equinozio d’autunno sancirà ufficialmente la fine dell’estate e l’inizio della stagione autunnale astronomica nell’emisfero boreale. L’equinozio di settembre non ha una data fissa: nel 2021 e nel 2022 si è verificato ad esempio il 22 settembre, mentre in alcune occasioni più rare può anche cadere il 21 o il 24.

Perché la data dell’equinozio è soggetta a cambiamento?

Le variazioni dipendono dal fatto che il sistema che utilizziamo per misurare il trascorrere dei giorni non è perfetto, ma richiede alcuni compromessi che determinano lo slittamento dei fenomeni astronomici come gli equinozi e i solstizi. Il nostro calendario, detto gregoriano, dura 365 giorni, ma in realtà il tempo impiegato dalla terra per completare il proprio giro intorno al sole è leggermente superiore. Per l’esattezza 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 6 secondi.

Il progressivo scollamento tra il calendario gregoriano e il ciclo delle stagioni viene evitato con l’artificio dell’anno bisestile, che ogni quattro anni consente di recuperare le ore perse per strada inserendo un giorno in più nel mese di febbraio (6 ore x 4 = 24 ore, da qui il giorno extra). Un ulteriore espediente per far quadrare ancora meglio i conti prevede inoltre che siano bisestili solo gli anni secolari (cioè che segnano il passaggio di secolo) divisibili per 400; ecco perché l’anno 2000 è stato bisestile, mentre il 2100, il 2200 e il 2300 non lo saranno.

Nella pratica l’equinozio d’autunno capita la maggior parte delle volte il 22 o il 23 settembre, ma nel 1931 è ad esempio successo che cadesse il 24 settembre; avvenimento che si ripeterà nel 2303.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *