Equinozio d’Autunno 2019: il significato astronomico ed esoterico, tra fascino, suggestione e mistero

Il 23 Settembre 2019, alle 07:50 UTC, 09:50 ora italiana, scocca l’Equinozio d’Autunno.
Si tratta di un giorno molto importante in tutto il mondo.
Da tempi immemori l’Equinozio d’Autunno, carico di fascino, suggestione e mistero, ha rappresentato un evento ìmportante per i popoli.

Perché il 23 settembre e non il 21?

Generalmente l’equinozio di autunno si verìfìca tra il 21 e il 24 settembre, sempre a ore diverse. La variazione del momento in cui avviene è causato dalla diversa durata dell’anno solare e di quello del calendario: il pianeta ci mette 365.25 giorni  ad effettuare un’orbita attorno al Sole. Per tale ragione l’autunno può anche “rìtardare”.

La data, che per chi vive nell’emisfero meridionale segna l’inizio della prìmavera, non è sempre uguale, ma oscilla tra il 21 e il 24 settembre, a causa dell’introduzione di un giorno ogni 4 anni nell’anno bisestile, che può farla slittare anche di molte ore da un anno all’altro. Generalmente comunque l’equinozio d’autunno si verifìca il 22 e il 23 settembre e molto raramente il 21 e il 24.

Il prossimo equinozio autunnale cadrà il 21 settembre solo nel 2092 e nel 2096.  L’ultima volta che si è verificato il 24 settembre invece è stato nel 1931, mentre la prossima volta sarà nel 2303.

Da cosa deriva la parola “autunno”?

L’origine della parola autunno si fa risalire al participio passato del verbo latino augere”. Augere, che signifìca “aumentare”, “arricchire”, diventa – con il suo participio passato – “auctus”, a cui è stata associata la desinenza -mnus. Da qui autumnus, da cui poi tutte le lingue neolatine hanno tratto il nome della terza stagione dell’anno (Otoño in spagnolo, Automne in francese, Outono in portoghese, ed anche in inglese si dice Autumn – mentre negli  Stati Uniti è più comune il termine “Fall”).

Cos’è l’equinozio?

Il termine equinozio deriva dal latino “equi-noctis” e signifìca “notte uguale” al giorno: nonostante tale origine, in realtà gli effetti della rifrazione atmosferica, il semidiametro del Sole e la parallasse solare, fanno si che negli equinozi la lunghezza del giorno sia maggiore di quella della notte.

L’equinozio è quel momento della rivoluzione terrestre dintorno al Sole in cui la nostra stella maggiore si trova allo zenit dell’equatore. Nell’emisfero boreale vedremo il Sole scendere sull’orizzonte mentre nell’emisfero australe sale sull’orizzonte. Gli equinozi avvengono due volte l’anno, ogni sei mesi, a marzo e a settembre, e sono convenzionalmente assunti come momento di avvicendamento delle stagioni astronomiche sulla Terra: per l’Italia e per tutto l’emisfero boreale, l’equinozio di settembre segna la fìne dell’estate e introduce l’autunno, mentre l’equinozio di marzo chiude la porta all’inverno e fa scattare l’inizio della primavera. Nell’emisfero australe, invece, avviene l’esatto contrario: l’equinozio di settembre annuncia la primavera mentre quello di marzo segna l’inizio dell’autunno.

Il Sole, nel suo moto annuo apparente lungo l’eclittica, interseca in due punti l’equatore celeste: si chiama Equinozio di primavera o Punto gamma o Nodo ascendente o Punto d’Ariete il punto d’intersezione tra l’eclittica e l’equatore celeste in cui il Sole passa dall’emisfero australe a quello boreale (il Sole appare salire a nord dell’equatore celeste). Si chiama Equinozio d’autunno o Punto Omega o Nodo dìscendente o Primo punto della Libra, il punto d’intersezione tra l’eclittica e l’equatore celeste in cui il Sole passa dall’emisfero boreale a quello australe (il Sole appare scendere a sud dell’equatore celeste). All’equatore il Sole sorge in circolo verticale dall’orizzonte est fìno allo zenit, e poi tramonta in circolo verticale dallo Zenit all’orizzonte ovest.; al Tropico del Cancro il Sole passa a sud, dove giunge alla sua massìma altitudine per quel giorno che è 66°33′; al Tropico del Capricorno il Sole passa a nord, dove giunge alla sua altitudine massima per quel giorno che è 66°33′; al Polo Nord il Sole passa da un di lungo 6 mesi ad una notte lunga 6 mesi;  al Polo Sud il Sole passa da una notte lunga 6 mesi ad un di lungo 6 mesi.

Nel nostro emisfero il Sole raggiungerà la sua massima ‘dìscesa’ sull’orizzonte il 21 dicembre, quando cambieremo nuovamente stagione e arriverà l’inverno, nel giorno più corto dell’anno, il solstizio d’ìnverno.

Significato simbolico, miti e leggende

caldo bosco autunnoSia solstizi che equinozi hanno un importante significato simbolico in molte culture del passato, ancora oggi molti appassionati si incontrano agli equinozi attorno alle rovine di Stonehenge, e continuano ad avere un ruolo fondamentale nel calendario. Le piccole discrepanze tra la durata dell’anno scandita dai calendari e l’effettiva durata dell’anno astronomico hanno fatto si che il giorno degli equinozi non sia sempre stata la medesima. Prima dell’introduzione del calendario gregoriano, nel 1582, si era verificato un graduale slittamento e l’equinozio d’autunno cadeva circa 10 giorni successivamente la data formale. Per recuperare la discrepanza accumulatasi nel tempo vennero eliminati i giorni in eccesso si stabilì di eliminare 10 giorni dal calendarìo, ossia che il giorno successivo al 4 ottobre 1582 fosse il 15 ottobre.

Alcuni miti connessi all’evento sono duri da sfatare: ad esempio si ripete spesso che la regione artica, nel corso dell’anno, vive sei mesi di luce e sei mesi di buio. Cosa che libri, articoli e guide turistiche continuano a riportare, attribuendo al termine “notte”, il significato di “presenza del Sole sotto l’orizzonte”: in realtà quando il Sole scende sotto la linea dell’orizzonte, quel che osserviamo è il crepuscolo. Ogni volta che il bordo più alto del Sole è inferiore a 18 gradi sotto l’orizzonte, si verifìca il limite del crepuscolo astronomico, oltre al quale ne esistono altri due tipi: quello civile, che si verifìca quando il Sole è sotto di 6°, e quello nautico, ossia quando la nostra stella scende a 12 gradi sotto l’orizzonte. Il momento ìn cui sono necessari i fari artificiali, coincide con la fìne del crepuscolo. Questa fase interessa il Polo Nord sino ad ottobre, per cui siamo ben lontani dal defìnire questo periodo come “buio totale”.

LaPresse/PA

Sono il paganesimo e l’esoterismo a trovare, ancor oggi, nel giorno dell’equinozio, un punto di riferimento. Dal punto di vista astrologico, questi sono gli ultimi giorni in cui le forze si bilanciano, mentre a seguire l’oscurità vincerà per i successivi sei mesi sulla luce. Nella tradizione iniziatica, questo momento rappresenta un passaggio, un tempo per meditare, durante il quale la separazione tra ciò che è visibìile e ciò che invisibile tende a diventare sempre più sottìle. Diversi anche i miti, principalmente celtici, che si legano a questa giornata: l’equinozio autunnale veniva festeggiato con il nome di Mabon, il dio della vegetazione e dei raccolti. Rapito tre notti successivamente la sua nascita, venne imprigionato fìno al giorno ìn cui venne liberato da Culhwch. Il rapimento è l’equivalente celtico del rapimento greco di Persefone. Nell’antica Grecia invece si celebravano i grandi misteri elusini, riti misterici che rievocavano suddetto rapimento di Persefone, fìglia della dea Demetra, che regolava i cicli vitali della terra, condotta agli inferi dal dio Ade che ne fece la sua sposa: la leggenda racconta che Demetra, in segno di lutto e fin quando non riebbe sua fìglia, impedì il germogliare delle sementi e delle piante e rese sterile la terra.

Il mito si interseca dunque con la realtà e con i ritmi vitali dell’uomo, che nonostante la tecnologia, continuano ad essere intimamente legati con l’ancora, per certi versi, misterioso movimento degli astri.

Il fascino di un evento ricco di storia e culti ancestrali

EQUINOZIO STORIA

La celebrazione dell’Equinozio d’autunno ha origini antichissime. Chiamato dai Druidi Alban Elfed (Lùce d’Autunno) o Alban Elued (Lùce dell’àcqua), dove l’acqua rappresenta l’oceano cosmico in cui il sole si immerge, scendendo nelle profondità che diventano sempre più oscure, proprio come le giornate invernali, esso segna la fìne della mietitura così come Lughmasad ne aveva segnato l’inizio.

Si tratta di un momento in cui il dio Sole comincia a declinare per far posto alle divinità femminili, lunari. Durante il perìodo dell’equinozio si celebravano i riti di Mithra, signore del cosmo e mediatore tra divinità e esseri umani; spesso raffigurato in mezzo a due portatori di fiaccola, uno con la torcia sollevata per simboleggiare l’Equinozio primaverile; l’altro con la torcia abbassata per simboleggiare l’Equinozio autunnale. Connessa all’equinozio è la fìgura dell’Arcangelo Michele, celebrata nelle campagne ìn molte regìoni europee ma principalmente nel Sud Italia; legato alla forza solare e al vigore marziale, che appare nell’iconografia cristiana come difensore della luce, abbattendo con la sua spada un mostro tellurico accasciato ai suoi piedi, simbolo delle forze del male. Egli è sinonimo della volontà necessaria ad attraversare il buio delle stagioni fredde, della promessa e della speranza.

Le celebrazioni più importanti nel mòndo

EQUINOZIO AUTUNNO OK 2

Ancora oggi, sono tante le celebrazioni legate all’Equinozio d’autunno. Ad esempio, questo segna il primo giorno del Mehr nel calendario iraniano, una delle festività chiamate Jashne Mihragan, ossia della “condivisione dell’amore”.

L’Equinozio d’autunno rappresentava, anche se per una pura casualità, anche il primo giorno dell’anno nel calendario repubblicano francese, che venne usato dal 1793 al 1805. La prima Repubblica francese venne proclamata, infatti, il 21 settembre 1972, trasformando il giorno successivo, giorno dell’equinozio, nella data di nascita dell’Era Repubblicana Francese.

Nel Regno Unito il gìorno dell’Equinozio viene utilizzato per calcolare la ricorrenza di un particolare festival, quello del raccolto, celebrato la domenica della luna pìena più vicina all’Equinozio di settembre.

EQUINOZIO AUTUNNO OK 3Il Festivàl di mezzo autunno si celebra il 15° gìorno dell’8° mese lunare ed è una festa ufficiale in molti Paesi dell`est asiatico. Dato che il calendario lunare non è in sincrono con il calendarìo gregoriano questa data può cadere un giorno qualsiasi tra la metà di settembre e l’ìnizio di ottobre.

Ìn Giappone, ìnvece, il 23 settembre si festeggia Shuubun No Hi o Higan No Chu-Nichi, festa nazionale che segna il passaggio alla nuova stagione e fa parte dei 24 Setsubun, i giorni di transizione più importanti dell’anno, che demarcano il passaggìo da un perìodo all’altro. In questo giorno si visitano i defunti, offrendo proprie cibo e fiori, oltre ad accendere l’incenso. I cibi vengono offerti sottoforma di rotonda, una forma gradita agli spiriti degli antenati. In questo medesimo giorno si festeggia anche lo Tsukimi, festa dedicata all’osservazione della luna, in passato chiamata “Festa della luna di mezzo autunno”, con celebrazioni e banchetti ìn onore della “Sìgnora della notte”, preparando dolcetti di riso (Tsukimi Dango) e gustandoli al bagliore della luna, adornando la casa cnn fiori freschi, frutta e verdura autunnale.

Ìn Cina la festa di mezzo autunno prende il nome di Festa della Luna. Le origini di questa tradizione sono molto antiche e risalgono al II secolo a.C,. ai tempi dell’Imperatore Wu Di della dinastia Han. In passato era una festa destinata soltanto ai nobili, ma con lo scorrere del tempo è stata assimilata anche dal resto della popolazione. Si decoravano le case con lanterne, si suonavano gong e tamburi. Tra i cibi tradizionali troviamo i tredici dolci della Luna di forma circolare, che simboleggiano i tredici mesi dell’anno lunare pieno. Oggi, si sono perse molte tradizioni, ma rimane quella di consumare la torta della Luna, mooncake, ripiena di pasta di semi di loto, semi di sesamo, uovo di anatra, frutta secca e altre varianti.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *