Fausto Coppi ricordato a Ercole di Caserta con una messa in memoria

CASERTA, 2 gennaio – Toccante nella sua semplicità la messa in memoria di Fausto Coppi che si è svolta a Ercole di Caserta dove il Campionissimo svolse le mansioni di attendente di un ufficiale inglese della RAF dal 1° febbraio al 29 aprile del 1945.

La messa è stata celebrata da Don Salvatore Gravina nella cappella privata della famiglia Michitto alla quale appartiene Donna Vittoria Michitto la “first lady” di Giovanni Leone presidente della Repubblica dal 1971 al 1978.

La numerosa comunità locale era rappresentata dalla signora Maria Giovanna Antonucci, accompagnata dal nipote Giovanni, l’attuale proprietaria del vicino palazzo Antonucci presso il quale Coppi svolse le mansioni di attendente e all’esterno del quale una lapide deposta lo scorso 30 luglio ne ricorda la permanenza a Ercole.

Per il mondo del ciclismo erano presenti gli ex dirigenti regionali e promotori dell’iniziativa Amedeo Marzaioli e Pasquale Ventriglia (assente Angelo Letizia influenzato), nonché ex dirigenti   e cicloamatori in attività venuti dal circondario: Francesco Caricchia da Macerata Campania, Francesco e Mariano Gallo da S. Marco Ev., Giuseppe Natale da Caserta, Alessandro Di Nisio da S. Clemente.

Idealmente presente alla cerimonia anche il mondo del calcio rappresentato dall’amico giornalista della RAI Gianfranco Coppola e dall’allenatore del Napoli Sarri che hanno fatto pervenire allo scrivente  una loro foto con l’immagine di Fausto Coppi e con il seguente commento: “oggi 2 gennaio x l’anagrafe morì Fausto Coppi ma la leggenda del Campionissimo corre più che mai tra cuori e ricordi e oggi 2 gennaio due grandi appassionati hanno voluto ricordare assieme l’Airone”.

                                                                                                                                                                                                Amedeo Marzaioli

 

1

2

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *