Festa della Repubblica, perché (e cosa) si festeggia il 2 giugno

Roma, 2 giugno 2019 –  Oggi  è il 2 giugno, festa nazionale, e come di consueto, si terranno le tradizionali celebrazioni che omaggiano la Festa della Repubblica Italiana.

PERCHE’ PROPRIO IL 2 GIUGNO?

Il 2 e 3 giugno del 1946 gli italiani si recarono alle urne per un referendum istituzionale che li invitava a decidere tra monarchia, rappresentata dallo stemma sabaudo, oppure repubblica, con stemma turrita. Si trattò della prima votazione a suffragio universale convocata in Italia. Con circa due milioni di voti in più, vinse la repubblica; dal 1947, nel nostro Paese, si celebra quindi questo passaggio che ha ridisegnato la storia.

LE PAROLE DI MATTARELLA

“Il 2 giugno e’ la Festa degli italiani, simbolo del ritrovamento della liberta’ e della democrazia da parte del nostro popolo. E’ un appuntamento che rinsalda la leale adesione e il sostegno dei cittadini all’ordinamento repubblicano, nella sua articolazione, allo stesso tempo unitaria e rispettosa delle proprie autonomie, sociali e locali”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel suo discorso al Quirinale in occasione del concerto per celebrazioni della Festa della Repubblica.

FESTA DELLA REPUBBLICA 2019: IL PROGRAMMA

Come ogni anno il carnet degli eventi in programma in tutta la nostra penisola è ricchissimo. Le celebrazioni istituzionali del 73esimo anniversario della Repubblica Italiana, si terranno a Roma, nel rispetto del protocollo tradizionale.

Alle 9.15 il presidente della Repubblica Sergio Mattarella deporrà una corona di alloro sulla Tomba del Milite Ignoto, con i presidenti di Senato e Camera Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico; alle 10.00, in via dei Fori Imperiali, seguirà la Parata militare con esibizione delle Frecce Tricolore. Al Quirinale, alle ore 15.00, apertura al pubblico dei Giardini del Palazzo del Quirinale in occasione della Festa della Repubblica con il presidente Mattarella.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *