Festa della “Venuta” della Santa Casa

La Venuta è una festa tradizionale delle Marche, diffusa anche in alcune zone dell’Umbria, che si tiene da più di quattrocento anni la sera tra il nove e il dieci dicembre, accendendo grandi fuochi in città, paesi e campagne.

Nel calendario cattolico, il 10 dicembre è la festa della Madonna di Loreto, che celebra la traslazione della Santa Casa. Nella notte della vigilia, tra il 9 e il 10 dicembre, in tutte le Marche è viva la tradizione di accendere grandi falò (i focaracci) per “rischiarare il cammino alla Santa Casa”; si tratta dei fuochi della notte della Venuta, intendendo per “venuta” l’arrivo della Santa Casa. I fuochi si accendono alle prime ombre della sera nelle campagne, nei paesi ed anche nel capoluogo, Ancona, dove i vari rioni gareggiano per allestire il fuoco più alto e bello. Quando i focaracci sono ormai bassi i ragazzi lanciano petardi e miccette e si sfidano nell’attraversare le braci saltando, tradizionalmente per nove volte.

La tradizione vuole che i fuochi odierni ricordino quelli che nel 1291  servirono ad illuminare la strada alla Santa Casa che in volo stava giungendo a Loreto,  che ancora è il centro ideale di questa festa. Intorno al fuoco a volte si recitano ancora, come voleva la tradizione, le Litanie Lauretane, invocando la protezione della Madonna, “Porta del Cielo” e “Stella del mattino”; in altri casi il focaraccio, o fogaró, ha assunto un carattere più profano.

Dal 1978, in occasione dell’accensione del focaraccio che si accende nella piazza principale di Macerata, si annuncia il prossimo pellegrinaggio a piedi da Macerata a Loreto; il comitato organizzatore del pellegrinaggio invita ogni anno ad organizzare ovunque i tradizionali falò. Anche gli scout, alcune pro loco e numerose parrocchie festeggiano ogni anno la Venuta.

Il falò acceso in occasione della festa assume nomi diversi a seconda della zona: focaraccio, fogaró, faone, foghèra, faore, focone o anche semplicemente fuoco della Venuta.

Il consiglio regionale ha deciso nel 2004 di celebrare il dieci dicembre la giornata delle Marche, allo scopo di “riflettere e sottolineare la storia, la cultura, le tradizioni e le testimonianze della comunità marchigiana, per rafforzarne la conoscenza e il senso di appartenenza”. La data scelta è quella in cui, in ogni parte del mondo, le tante comunità marchigiane residenti all’estero celebrano da sempre, spontaneamente, le loro origini: la festa della Madonna di Loreto, durante la cui vigilia si accendono i fuochi della Venuta, riconosciuti dai marchigiani come riferimento ideale e spirituale della propria terra e delle proprie origini.

In occasione della celebrazione viene assegnato il “Picchio d’oro” ai marchigiani “che si sono distinti nei rispettivi settori professionali o che con il loro nome abbiano portato lustro alla comunità regionale” (il picchio è il simbolo della regione).

2

3

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *