Festa dell’Epifania alle Suore di Clausura

Castellammare di Stabia (NA) 6 gennaio 2015- Doni alle Suore di Clausura

“Regina Elena” e Bar Auchan uniti dalla beneficenza

L’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus, ha voluto essere vicina ai bambini e agli anziani d’Italia, in occasione del Santo Natale, attraverso il dono di dolci, viveri, libri e giocatoli a famiglie disagiate, asili, nidi, scuole, case di riposo, case famiglia, strutture per handicappati, bambini ed anziani ricoverati. Ma anche agli Istituti religiosi. L’Associazione ringrazia il Bar Auchan che ha partecipato al dono alle Suore

Oggi, il Delegato, Comm. Rodolfo Armenio, ha fatto la consueta visita annuale d’auguri alle Suore di clausura di Castellamare di Stabia. Il Delegato, accolto da Suor Raffaella Superiore delle Comunità, ha chiesto preghiere per l’Associazione Internazionale Regina Elena, giunta al 30^ anno di vita, un sodalizio totalmente apolitico e apartitico presente in 56 Paesi, presieduto da S.A.R. il Principe Sergio di Jugoslavia, nipote di Re Umberto II. Il suo scopo è operare attraverso iniziative caritative, spirituali e culturali, sull’esempio di Elena del Montenegro, ultima Regina a ricevere la “Rosa d’oro della Cristianità” (nel 1937 da Papa Pio XI) e definita “Regina della Carità”. La delegazione italiana è presieduta dal Cav. Ilario Bortolan.

L’ Ordine delle Adoratrici Perpetue è adorare giorno e notte, ininterrottamente, Gesù Eucaristia.

Duplice è il loro apostolato: quello che, nell’intimità della clausura, si esercita con la preghiera e l’immolazione, e quello costituito dalla loro presenza adorante ai piedi dell’altare, una presenza che, mentre testimonia il primato di Dio e la presenza reale di Gesù nell’Ostia consacrata, offre anche ai fedeli laici la possibilità di sostare in adorazione. A questo scopo la Madre Fondatrice, la Beata Madre Maddalena dell’Incarnazione, ha voluto espressamente che i monasteri sorgessero nel cuore delle città

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *