Fratelli d’Italia Santa Maria Capua Vetere

CANDIDATO SINDACO SANTA MARIA CAPUA VETERE

Fratelli d’Italia si mostra sempre più forte e credibile: ufficiale Luigi Pardi in lista. Santillo: ennesimo candidato forte fondamentale per arrivare alla vittoria

Gabriella Santillo ufficializza un altro pezzo da novanta nella lista di Fratelli d’Italia: si tratta di Luigi Pardi Merola, detto Pardi, 32 anni a dicembre, laureato in scienze biologiche e in Farmacia. Pardi è uno dei tanti giovani professionisti che ha deciso di mettersi in gioco e di candidarsi in prima persona al fianco della consigliera provinciale. «Quello guidato da Gabriella Santillo è l’unico progetto valido e credibile per la città – ha sottolineato il candidato al consiglio comunale – solo Fratelli d’Italia e il centrodestra possono permettere a Santa Maria Capua Vetere di ripartire dopo anni di immobilismo». Pardi è socio farmacista della farmacia centrale di via Mazzocchi a Napoli ed è figlio d’arte, in quanto il papà è stato amministratore di lungo corso a Santa Maria Capua Vetere, e la mamma è risultata la prima dei non eletti del gruppo di Campania libera cinque anni fa con ben 206 preferenze. «Da giovane professionista è giusto che faccia la mia parte per Santa Maria Capua Vetere portando avanti quell’impegno che ha sempre avuto la mia famiglia per la città – ha spiegato – ho scelto la competenza, la coerenza, il coraggio e la concretezza di Gabriella Santillo perché è di questo che oggi ha bisogno la città per avere un governo autorevole e forte». «Con Luigi Pardi mettiamo un altro importante tassello per arrivare alla vittoria – ha sottolineato il candidato sindaco Gabriella Santillo – il suo entusiasmo, il suo bagaglio di conoscenze personali e familiari saranno fondamentali nel nostro progetto di città. Con lui in lista mettiamo un altro tassello fondamentale, che assieme a quelli degli altri candidati ci porteranno ad aprire una nuova stagione di governo».

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *