Fuoco e fumo nei pressi dei binari, sospesi alcuni treni lungo la ‘direttisima’ Roma-Napoli

di Daniele Palazzo.

Dopo il guasto tecnico di qualche giorno fa, che tanti disagi aveva procurato all’utenza campana e laziale, nuovamente nell’occhio de ciclone la tratta pontina della linea ferroviaria Roma-Napoli. Questa volta, a mandare il tilt il sistema di circolazione dei convogli lungo la cosiddetta “Direttissima” un rogo di erbacce e sterpaglie, divampato, per cause ancora al vaglio degli i

inquirenti incaricati. Per effetto dell’imprevedibile evento, si è reso necessario bloccare la circolazione dei treni tra la stazioni di Pomezia e Torricola. Ovviamente, con gravi ripercussioni su quanti, casertani, napoletani e laziali che siano, sono costretti a ricorrere al trasporto su linea ferrata per le loro necessità quotidiane di spostamento. Le fiamme, sviluppatesi intorno alle ore 17.00 di ieri, hanno interessato una casa posta sull’Ardeatina, provocando problemi da sospensione dei collegamenti anche sula linea ferroviaria che mena da Nettuno a Roma. Ennesimo episodio di amarezza e rabbia, dunque, per tutti i clienti di Trenitalia rimasti colpiti dal nuovo ed increscioso inconveniente. I pronti interventi dei Vigili del Fuoco competenti per territorio e di alcune squadre di tecnici in forza alla compagnia ferroviaria interessata hanno fatto si che, dopo alcune ore,  la situazione tornasse alla normalità. La circostanza, però, che gli inconvenienti tecnici od accidentali che siano, oggi, si verifichino con maggiore incidenza che in passato, deve far riflettere e non poco. Infatti, in un sistema avanzato come quello che certi politici d’alto bordo(uno su tutti, il premier Renzi) amano indicare l’Italia attuale, non possono ancora accadere incresciosità  come quella di cui ci occupiamo.

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *