GIOCHI, TRADIZIONI E MESTIERI DELLA CAIAZZO CHE FU IN GRANDE SPOLVERO GRAZIE ALLA PRO LOCO E ALLA SCUOLA DI CAIAZZO. SI PARTE IL PROSSIMO 15 MARZO

di Daniele Palazzo

 

CAIAZZO-In dirittura arrivo le operazioni preparatorie per i laboratori ludico-didattici che, destinati agli allievi delle scuole primarie e secondarie di Caiazzo, hanno l’obiettivo precipuo di fornire ai giovani studenti caiatini l’opportunità di approfondire la conoscenza dei giochi, delle tradizioni e dei mestieri del tempo che fu e, nel contempo, avere dimestichezza pratica con essi. “Giochi, tradizioni e mestieri di un tempo”, questa l’intestazione dell’ottima iniziativa di studio e formazione, partirà mercoledì prossimo, 15 marzo(questa data rappresenta anche il termine ultimo per la presentazione di eventuali istanze di iscrizione), per protrarsi fino alla fine del mesi di maggio a venire. L’idea di fondo è della Pro Loco “Nino Marcuccio”,  di Caiazzo, il cui gruppo di lavoro più attivo e motivato, all’atto di tradurre in pratica la propria trovata progettuale, ha chiesto ed ottenuto la collaborazione dell’Istituto Comprensivo cittadino. “Onde dare agli stessi laboratori il giusto senso, sia agli occhi degli allievi che dell’intera popolazione dello storico centro dell’Alto Casertano, tiene a far sapere un iscritto alla Pro Loco medesima, che,affermando di essere persona molto schiva e riservata e, quindi, disdegnato ogni clamore, l’apposito Comitato Organizzatore si è ispirato al mondo e alla grande verve vitale del compianto Nino Marcuccio, al quale la nostra città deve davvero tanti, in termini di crescita umana e culturale.” Teatro della lodevole iniziativa saranno gli spazi e gli ambienti della Scuola Primaria di Caiazzo-Centro, dove tutti partecipanti, al ritmo di due seduta a settimana, sono chiamati a raduno, come

 da programma, fino al prossimo maggio. Per la cronaca, i giochi inseriti nelle attività de quò vanno dalla “campana” alla “mazza e piuze”, dallo “schiaffetto”(guerra ai quattro schiaffi) al “singhetto”, dallo “zomba cavaliere” allo “Strummolo” ed altr, quali “una monta”, “la conta”(nascondino), “la corda”, “la carrozza”, ecc. “Ognuno di essi, si evince da u comunicato-stampa, incarna momenti di un tempo passato, di tradizioni che meritano di essere tramandate alle nuove generazioni, perché sono l’espressione di una cultura che è madre di quella attuale.” E, ancora, “È per questo motivo che l’iniziativa viene rivolta agli alunni delle scuole primarie e secondarie di Caiazzo, i quali avranno il privilegio di conoscere quelle attrazioni ludiche raccontate dalle persone più anziane. Rievocare i giochi di un tempo, inoltre, darà modo ai giovanissimi destinatari di conoscere un aspetto importante dell’identità propria del territorio in cui vivono.” Per info e ragguagli più approfonditi, la sede della Pro Loco caiatina(Piazza S. S. Menecillo, 1), il sito e-mail caiazzoproloco@libero.it  e i numeri telefonici 0823862761(Pro Loco) e 3457373398(Ivania Marcuccio).

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *