Giornata Internazionale contro la violenza di genere

LICEO “ALESSANDRO MANZONI” CASERTA. MERCOLEDI’ 25 NOVEMBRE ORE 11

 “La donna e l’arte… tappe di una fioritura”: sarà questo il tema dell’incontro in programma per mercoledì 25 novembre alle ore 11 presso l’Aula Magna del Liceo “Alessandro Manzoni” di Caserta. L’atteso appuntamento si tiene in occasione della giornata internazionale contro la violenza alle donne.
Il convegno nasce nell’ambito del laboratorio di politiche di genere che, unico esistente in provincia di Caserta, focalizza l’attenzione sullo studio del genere, organismo questo fortemente voluto e sostenuto dalla dirigente scolastica Adele Vairo.
Il laboratorio di politiche di genere è stato avviato con un protocollo d’intesa tra il Liceo “Manzoni”, l’Associazione onlus Spazio Donna e il Centro Hecate (Centro Documentazione Donna). Ad aprire i lavori sarà la dirigente Adele Vairo. Quindi, gli interventi della presidente della Commissione provinciale delle Pari Opportunità Rossella Calabritto, della vicepresidente dell’Associazione onlus Spazio Donna Ilaria Boccagna e della giornalista e gallerista Giuliana Ippolito. L’incontro sarà moderato dalla giornalista Maria Beatrice Crisci, direttore del sito giornalistico Ondawebtv. Referenti del laboratorio di politiche di genere sono le professoresse Adele Grassito e Maria Luisa Martiniello.
“L’appuntamento – sottolinea Adele Grassito – è per il 25 novembre al Manzoni, poiché è l’unico istituto in provincia in cui esiste un laboratorio che porta avanti gli studi del genere. Da qui l’idea di organizzare un momento di riflessione sulla figura della donna nell’arte. Non è questa una lezione cattedratica, ma è un momento di formazione interattiva alternativa in cui gli allievi/e potranno interagire con personalità del mondo delle istituzioni, dell’associazionismo e di quello della cultura, per poter riaffermare con forza che oggi più che mai è importante parlare di comunicazione tra generi. E va fatto soprattutto oggi, che ancora il concetto del diverso non è considerato da tutti/e un plus valore, ma un punto di debolezza. L’obiettivo è quello di invertire gli ordini del pensiero, mettere in luce che la dualità serve ed è utile alle nuove generazioni per creare un mondo che abolisca stereotipi e pregiudizi tra il genere maschile e femminile e che riconosca quanto la lettura della realtà non possa essere asessuata, ma debba essere una lettura duplice e globale nel rispetto delle diversità tutte”.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *