Grazzanise . Coscienze Scadute: la rappresentazione sulla Shoah dei ragazzi di Antonio Nardelli scuote le coscienze.

26 Gennaio 2016

Violenza e dolore, disperazione e solitudine, ma anche anelito alla giustizia e alla speranza per tutti i crimini contro l’umanita’ : questi i temi fondamentali dello spettacolo ” Coscienze Scadute” che e’ stato rappresentato domenica 24 gennaio a partire dalle ore 19.00 dalla compagnia ‘Teatro delle Folli Idee’ dell’associazione “Teens’Park” di Grazzanise nell’Aula Magna della Scuola Media ” Can. F.Gravante”. Numerosi i presenti all’evento – tra cui l’Assessore Angela Simone- che ha aperto la stagione teatrale con una coinvolgente rappresentazione sulla Shoah di Antonio Nardelli , regista e attore , maestro ed educatore di ragazzi legati ad un territorio non sempre facile ma che , con la sua guida, hanno dimostrato talento, impegno sociale e passione civile. Lo spettacolo Coscienze Scadute e’ un dialogo ritmicamente ininterrotto con la Storia e con le sue nefandezze, ma anche un approccio diretto alla coscienza degli spettatori che , attraverso una scenografia volutamente ridotta all’essenziale, si ritrovano compagni e complici dei giovani protagonisti in una vicenda umana tragica che sorvola ogni epoca storica diventando simbolo universale del male e dell’odio. Il genocidio della Comunita’ Ebraica diviene cosi’ simbolo di tutte le guerre di religione. ” Questo spettacolo- ha commentato Antonio Nardelli – e’ in onore delle vittime della Shoah ma anche delle vittime della Siria e dell’Isis”. Coscienze Scadute si articola in due tempi dove la recitazione asciutta e diretta dei protagonisti non lascia spazio alla retorica e ai sentimentalismi : un cerchio concentrico di vite e di dolori dove alla fine non vi e’ piu’ alcuna differenza fra vittima e carnefice perche’ nella violenza e nella guerra perde sempre e inesorabilmente l’Essere Umano. In scena gli allievi della scuola di Castel Volturno: Marica Bono; Giovanni Bifulco; Mario Camasso; Federica Chianese; Francesco de Simone; Ilde Diana; Ciro Masullo; Antonio Nardelli; Marco Papararo; Chiara Puglianiello; Lucrezia Rubino; Adele Russo. Tra i collaboratori del regista, nel backstage, anche la vigile Giovanna Pezzera. Va sottolineato, invece, l’impegno della Compagnia Teatro delle Folli Idee che , nonostante l’assenza di strutture , opera con entusiasmo ed impegno dimostrando energia e volonta’ partecipata. Un modo fattivo con il quale Antonio Nardelli coinvolge i giovani fornendo loro un valido movente civile. Ci chiediamo: perche’ le Istituzioni , che elargiscono finanziamenti europei a destra e a sinistra non provvedono a dotare questa compagnia di strutture adeguate nelle quali rappresentare i propri spettacoli?

GIOVANNA PAOLINO

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *