“I tempi di Aldo Moro” di Licio Di Biase

Presentazione del volume a Pescara, con Bruno Tabacci e Luciano D'Alfonso (Aurum - Sabato 12 settembre, ore 10:15)

PESCARA – Sarà presentato a Pescara sabato 12 settembre, alle ore 10:15, il volume “I tempi di Aldo Moro – Le idee, le speranze e le intuizioni dello statista democristiano” di Licio Di Biase, Edizioni Solfanelli, presso l’Aurum. Intervengono Bruno Tabacci e Luciano D’Alfonso, presidente della Regione Abruzzo, oltre all’Autore. Modera Giuliano Di Tanna, giornalista del quotidiano il Centro.

Aldo Moro è rimasto nei cuori di molti italiani. Sicuramente è il politico di cui si è parlato più di ogni altro, dagli anni Settanta in poi. Ma si è parlato di Moro soprattutto per la tragedia che lo ha visto coinvolto e che lo ha portato alla morte, rischiando di appannare la valenza etica e la capacità dell’uomo di governo.

Moro si è mosso sullo scenario politico con la consapevolezza che solo la Democrazia Cristiana poteva garantire all’Italia il permanere di un sistema democratico, a tutela delle libertà. E questo suo progetto si è articolato con una Dc, affaticata, che a volte cercava di galleggiare nella prospettiva di rinnovarsi. Aldo Moro è stato grande protagonista, fino al rapimento e all’uccisione.

Con questo libro ridiamo la parola allo Statista democristiano, attraverso i suoi discorsi, i suoi articoli e le sue gesta. È un modo per capire direttamente dalle sue parole il suo pensiero, superando tutte le libere interpretazioni di cui si è arricchita la pubblicistica in questi decenni a partire dalla sua scomparsa.

Licio Di Biase
I TEMPI DI ALDO MORO
Le idee, le speranze e le intuizioni
dello statista democristiano
Presentazione di Bruno Tabacci
Edizioni Solfanelli
[ISBN-978-88-7497-926-4]
Pagg. 200 – € 15,00

http://www.edizionisolfanelli.it/itempidialdomoro.htm

Goffredo Palmerini
S.S. 17 bis, 28/a – Paganica
67100 L’AQUILA – Italy
Tel. +39 0862 68416
Mobile +39 328 6113944

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *