I vincitori di racconti nella rete 2016

La giuria tecnica della XV edizione del premio letterario “Racconti nella Rete” ha selezionato i venticinque racconti che saranno inseriti nell’antologia del premio 2016 edita da Nottetempo.

Demetrio Brandi, presidente del premio, si complimenta con i vincitori e rivolge un sincero ringraziamento a tutti gli autori che hanno partecipato a questa edizione. “Il nostro progetto compie 15 anni ed ha visto la pubblicazione dei racconti di trecentosettantantacinque autori, molti dei quali entrati a pieno titolo e con grande successo nel mondo letterario. Mi preme ringraziare la nostra giuria e tutti gli scrittori e sceneggiatori che anche quest’anno hanno contribuito a creare una comunità virtuale molto attiva e coinvolgente.”

I vincitori saranno premiati a Lucca in occasione della fase finale della XXII edizione di LuccAutori, in programma sabato 8 e domenica 9 ottobre 2015. Nell’occasione sarà presentata in anteprima la nuova antologia edita da Nottetempo contenente i racconti selezionati. La copertina è firmata da Giampaolo Talani.

I venticinque racconti vincitori saranno protagonisti della mostra “Racconti a colori” attraverso le illustrazioni realizzate dagli studenti del Liceo Artistico Passaglia di Lucca. La mostra sarà inaugurata sabato 1 ottobre e le opere rimarranno esposte a Villa Bottini fino al 9 ottobre. Info nel sito www.raccontinellarete.it

I venticinque racconti vincitori (autori in ordine alfabetico):

Eleonora Angelini “Agata” (Roma)

Dora Argento “Cent’anni di troppo” (Palermo)

Giulio Artom “Si fa presto a dire chiodi” (Milano)

Francesco Bianchi “Rapina goffa” (Genova)

Maria Giulia Benini “La lezione di yoga” (Ravenna)

Filippo Cartosio “Turning point” (Genova)

Barbara Cutrupi “Un giorno in più” (Reggio Calabria)

Assunta Decorarato “Il cane che amava Schopenauer” (Peschiera Borromeo)

Gino Dondi “L’angelo” (Parma)

DuediRipicca (Lié Laurousse e Gianluca Pavia) “Volevo solo morire e invece sono morto” (Roma)

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *