Il Bilancio di Previsione 2016 della Reggia di Caserta.

OGGI MAURO FELICORI INIZIA LA SUA

by GIOVANNA PAOLINO

Si approva oggi il bilancio di previsione della Reggia di Caserta .Il Sito, gia’ inserito all’interno della ex Soprintendenza Speciale per il Patrimonio di Napoli, e’ diventata Istituto dotata di Autonomia Speciale quale Museo rilevante di interesse nazionale in applicazione del DPCM n.171/2014.

E’ , pertanto , la prima volta nella sua storia che il Monumento adotta un bilancio di previsione.

Il Documento, sottoposto all’esame del Collegio dei Revisori, sara’ approvato dal Direttore Mauro Felicori e dal CdA del Museo. Il bilancio di previsione 2016 della Reggia di Caserta conferisce PRIORITA’ ASSOLUTA a tutti gli interventi di carattere manutentivo del Museo : pulizie ordinarie, manutenzione del verde, manutenzione degli impianti al fine di migliorare il gradimento dei visitatori.

Da oggi Mauro Felicori inizia la sua vera ” rivoluzione” all’interno della Reggia di Caserta e, di conseguenza, anche nella stessa citta’ di Caserta. Gli ambiziosi obiettivi di Mauro Felicori, che intende realizzare il rilancio complessivo dell’offerta al pubblico del sito vanvitelliano, richiede la disponibilita’ di risorse finanziarie maggiori rispetto alle entrate previste nel bilancio e cio’ rende necessario avviare un programma sistematico di promozione e di marketing della Reggia in una prospettiva finalizzata ad attirare il convergere di investimenti pubblici o privati su specifici progetti di sviluppo dell’offerta turistico- culturale.

Il Bilancio di Previsione 2016 consente finalmente al Direttore Felicori di stanziare fondi , attraverso una suddivisione tra entrate e spese , al fine di realizzare , effettivamente, al di la’ delle sterili polemiche dei giorni scorsi, per realizzare oltre alla funzione istituzionale di salvaguardia e di valorizzazione del sito, altri obiettivi fondamentali come l’ampliamento dei servizi integrativi e dei percorsi museali, il miglioramento del livello di fruizione da parte del pubblico del patrimonio, la promozione della ricerca specialistica nel campo con il supporto di partner nazionali ed internazionali.

Per quanto riguarda le ENTRATE indicate nel bilancio di previsione la voce principale dovrebbe essere quella relativa agli INTROITI dei biglietti di ingresso della Reggia .L’ attribuzione di Autonomia Finanziaria el’assegnazione di nuovi spazi alla Reggia di Caserta permettono di ipotizzare un trend positivo di entrate derivanti dagli introiti dei biglietti di ingresso pari al 15% con il rilancio della struttura e con l’allargamento del bacino di fruizione.

Nel bilancio di previsione, poi, vi sono le ENTRATE dei CANONI relativi a CONCESSIONI DI SERVIZI E DEGLI AMBIENTI, nella misura degli importi incassati nell’anno 2015, come residui per spese postali ed utenze, compensi accessori al personale , in parte gia’ effettuati nel 2015 e in parte gia’ effettuati nel 2016,

Vi sono , inoltre , le ENTRATE derivanti da TRASFERIMENTI CORRENTI DI ORGANISMI INTERNI, come il rimborso della quota parte della Soprintendenza di Caserta per le utenze di elettricita’ e di gas in attesa di effettuare il sezionamento degli impianti e la voltura dei contatori , che a tutt’oggi non e’ stato possibile realizzare per il mancato finaziamento dei lavori di manutenzione.Come proventi derivanti dai servizi in gestione diretta vi sono anche i CANONI per le FORNITURE di ACQUA PRECARIA NON POTABILE EROGATA DALL’ACQUEDOTTO CAROLINO , in consegna alla Reggia, a circa 126 utenze ubicate nei territori attraversati.

Come ENTRATE anche i CREDITI maturati e non pagati dai concessionari rispettivamente del BOOKSHOP -Colonnese Editore- e del SERVIZIO DI RISTORO – Angelica Realsito scarl- verso cui l’Amministrazione ha aviato un contenzioso con il coinvolgimento della Avvocatura dello Stato.

Le ENTRATE derivanti da LOCAZIONI di IMMOBILI DEMANIALI sono state stimate sulla base del canone annuo che verra’ corrisposto dall’EPT , per la propria sede, e degli affitti degli alloggi occupati da soggetti che, pur avendo avanzato ricorso contro lo sfratto, continuano a corrispondere il canone fissato in contratti di locazione scaduti da molto tempo. Sono state inserite tra le ENTRATE anche i CANONI ARRETRATI di affitti pregressi dovuti dall’EPT e la differenza fra i vecchi canoni e le indennita’ di occupazione degli alloggi utilizzati da privati.

Fra le entrate e’previsto anche il contributo finanziario per l’allestimento della Collezione Terrae Motus disposto dalla Camera di Commercio di Caserta per un importo all’incirca di 50mila euro.

Per quanto riguarda le SPESE di funzionamento del Museo sono state stimate nella misura strettamente necessaria. Si va dai compensi per gli Organi Istituzionali e per i Responsabili dei Settori Tecnici alle richieste inevase avanzate nel 2015 dai Funzionari incaricati per finire all’incarico esterno ai fini della presentazione dei VV.FF. della pratica per il NULLA OSTA ANTINCENDIO per il Palazzo Reale . Tale incarico puo’ essere svolto soltanto da un professionista , non presente nell’Amministrazione, iscritto nell’apposito albo del Ministero degli Interni.

E’ stato previsto altresi’ l’acquisto di licenze di prodotti software , per una efficiente conduzione delle attivita’ di gestione, e l’approvvigionamento di prodotti specialistici di particolare interesse per la conservazione del patrimonio del Museo..Aumentato anche l’importo dei servizi di pulizia e previsti anche importi minimi per interventi di manutenzione straordinaria .

Tra le SPESE anche il TRASFERIMENTO al MIBACT del 20% dei PROVENTI della BIGLIETTAZIONE quale Fondo di Solidarieta’ della Gestione dei Musei Autonomi anche se il DIRETTORE FELICORI intende chiederne la RIASSEGNAZIONE INTEGRALE AL MUSEO DELLA REGGIA sulla base della straordinaria consistenza materiale del complesso e dei programmi di ampliamento e diversificazione dell’offerta museale .

Da oggi, ci auguriamo, che siano messe a tacere inutili e strumentali polemiche.

A parlare dovranno essere solo gli interventi concreti che il BILANCIO FELICORI consentira’ di attuare sulla Reggia di Caserta.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *