IL PROF. AUGUSTO FERRAIULO PRESENTA IL LIBRO ‘‘SANTA MARIA A VICO – PARTE SECONDA’’

IL PROF. AUGUSTO FERRAIULO DOCENTE PRESSO LA “ANTHROPOLOGY BOSTON UNIVERSITY” PRESENTA IL LIBRO ‘‘SANTA MARIA A VICO – PARTE SECONDA’’ DI GAETANO ACETO, GIUSEPPE GUADAGNO, DOMENICO GUIDA, ALFONSO PERROTTA, FRANCESCO PERROTTA. L’APPUNTAMENTO È ALLE ORE 17:00 PRESSO L’AULA CONSILIARE IN SANTA MARIA A VICO.

di  Paolo Pozzuoli

 C’è una nuova strenna, un nuovo cadeau di mons. Francesco Maria Perrotta nelle speciali ricorrenze della festa del Santo Patrono d’Italia e del suo onomastico: il libro titolato SANTA MARIA A VICO’ – PARTE SECONDA. È la storia della Valle di Suèssola trattata con assoluta cognizione di causa e particolare rigore storico-geotopografico-architettonico-scientifico, ‘ab origine’, in ogni singola sfaccettatura. Nel libro, cui hanno collaborato il prof. Giuseppe Guadagno, il maestro d’arte Domenico Guida, l’arch. prof. Giuseppina Ferriello, il p.i. ‘innestatore’ Alfonso Perrotta, sono riportati – un affettuoso omaggio e un dolce ricordo – i mestieri, illustrati in ogni minimo particolare dal compianto prof. Gaetano Aceto che, nutrendo un immenso amore per la particolare Terra, ha scritto pagine straordinarie anche in riferimento alla civiltà contadina. Insomma, è un testo da far adottare negli istituti  scolastici e di cui ogni famiglia della storica Valle dovrebbe far tesoro. Il libro, fresco di stampa (settembre 2017) presso Diaconia Grafica & Stampa in S. Maria a Vico, consta di 280 pagine ed è suddiviso in n.6 capitoli. Chiare, precise ed interessanti la ‘Prefazione’ di mons. Perrotta e la ‘Premessa’ (vi è riportata la bellissima citazione “Ama la verità; mostrati quale sei; e senza infingimenti; e senza paure; e senza riguardi. E se la verità ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento e tu sopportalo. E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio” del prof. Giuseppe Moscati, medico, santo) del monsignore e del maestro d’arte. Poi, una serie di articoli nel primo capitolo: da mons. Perrotta (Valle di Suessola o Valle Caudina?) a Domenico Guida (Suessola nella  cartografia del ‘500 – ‘600 – ‘700; Ad Novas e il Vicus Novanensis; Perché la nostra è la Valle di Suessola; Gli acquedotti romani e la nostra valle; Alcune testimonianze archeologiche) a Giuseppe Guadagno (Erchemperto non dice tutta la verità; Dopo la morte di Suessola; Cippo marmoreo di località “Carmiano” di Cervino). Il secondo capitolo è riservato a mons. Perrotta con “Le famiglie di Santa Maria a Vico dal Catasto Onciario del 1741-1747”. Tutto riservato ai mestieri il terzo capitolo: di mons. Perrotta “Mestieri di Santa Maria a Vico dal Catasto Onciario”  e “Illustrazioni dei mestieri” di P. Sebastiano Tillio OMI,  “Illustrazioni dei mestieri” del prof. Gaetano Aceto, “Mestieri illustrati” di Domenico Guida, “Mestieri illustrati” di Francesco Perrotta, “Mestiere dell’innesto illustrato” da Alfonso Perrotta. Nel quarto capitolo “Appalti di ‘privative’ fatti dal Comune di Santa Maria a Vico nel 1843” di Francesco Perrotta. Il quinto capitolo va da “Rosciano – Lineamenti storici” di Francesco Perrotta a “Il ‘censimento’ delle masserie di Rosciano nel ‘700 nella Platea del Monastero di S. Agostino nella terra di Arienzo” di Giuseppina Ferriello, a “La corte di Rosciano” di Domenico Guida. Riservato alla “Chiesa parrocchiale di Loreto” di Francesco Perrotta il sesto ed ultimo capitolo. Fissata per venerdì 6 c. m., ore 17:00, presso l’aula consiliare del Comune di Santa Maria a Vico la presentazione del libro. Dopo i saluti del sindaco, dr. Andrea Pirozzi, sono previsti gli interventi (presentazione e introduzione) di mons. Francesco Maria Perrotta e del prof. Augusto Ferraiuolo, sociologo, antropologo, etnomusicologo, docente presso la “Anthropology Boston University”, che tratterà il tema “Storia, tradizioni e memoria”. All’avv. Pasquale Nuzzo il delicato compito di moderatore dei lavori.

Paolo Pozzuoli

 

12-bis

13-bis

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *