IL SEMINARISTA ALIFANO ALESSANDRO OCCHIBOVE ORDINATO ACCOLITO

di Daniele Palazzo

 

ALIFE-Un percorso spirituale molto intenso e reso unico da tanti momenti di forte e vibrante  preghiera e discernimento vocazionale, quelli che hanno caratterizzato il cammino, di vicinanza a Gesù Cristo e alla Vergine Madre, dell’Accolito Alessandro Occhibove, che, raccogliendo i frutti di ben cinque anni di meditazione, studio e vicinanza a Dio, ha ricevuto, dalle mani del Vescovo della diocesi di Teano-Calvi, Monsignor Valentino Di Cerbo, il Ministero dell’accolitato. Per il grande evento di Grazia, la Chiesa Cattedrale di Alife era stracolma di fedeli, tra cui tantissimi parenti, amici e conoscenti del festeggiato, che, dopo il periodo romano(si è formato presso il Pontificio Seminario Romano Maggiore), proseguirà nel, suo cammino spirituale verso il Sacerdozio in Diocesi. Nel corso della molto sentita funzione liturgico-celebrativa, il presule alifano non  ha voluto mancare di far giungere al neo Accolito, i suoi personali auguri di buono e fruttuoso apostolato. “Caro Alessandro, ti auguro di essere degno ascoltatore di quella voce che ti fa capire che nelle mani di Dio si sta bene”. Al termine della Santa Messa(manco a dirlo, è stata presieduta da S.E. Mons. Di Cerbo), è stata data notizia che il giovane seminarista proseguirà nel suo cammino verso il Presbiterato presso la Chiesa Cattedrale di Alife, di cui è originario. Premesso che, nel corso della serata c’è stato spazio anche per i Sacerdoti  Don Salvatore Zappulo e Don Domenico La Cerra,  ai quali Mons: Di Cerbo ha espresso i suoi migliori auguri per la ricorrenza dell’onomastico e per quella del compleanno. L’entusiastico “tsunami” di  gioia condivisa per Occhibove, invece, è proseguito nelle Sale Parrocchiali annesse al Duomo, con un momento conviviale molto sentito e partecipato. Ad organizzarlo, con il prezioso aiuto dei giovani  e i diversi dell’Azione Cattolica diocesana, Don Antonino Leggio.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *