Il Sogno di Morfeo al Teatro Civico 14 di Caserta – 8 giugno ore 19

Teatro In Fabula presenta

Il Sogno di Morfeo

con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”

debutto al Teatro Civico 14 di Caserta – 8 giugno ore 19

Martedì 8 giugno, alle ore 19, al Teatro Civico 14 di Caserta Teatro in Fabula presenta Il Sogno di Morfeo, scritto e diretto da Antonio Piccolo, che è anche in scena con Mario Autore, Antonia Cerullo, Melissa Di Genova e Luca Di Tommaso.

Lo spettacolo gode del sostegno del MiBAC e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”.

Le scene sono a cura di Luciano Di Rosa e Luca Serafino, i costumi di Federica Del Gaudio e le musiche di Mario Autore.

L’aiuto regia è di Marco Di Prima, la sarta è Laura Giansante, le voci registrate di Gianluca Bonagura, Giuseppe Cerrone, Marco Di Prima, Sara Missaglia e il tecnico luci è Filippo Stasi.

Sinossi

All’Eremo dei Sogni il dio Morfeo, sua sorella Notturno e l’assistente Artemidoro di Daldi sono alle solite prese con l’invio dei sogni ai mortali. Una procedura particolare, che mescola la loro fantasia divina con le immagini e le percezioni immagazzinate dagli stessi sognatori in stato di veglia, nella loro vita cognitiva. Ecco il primo problema. Ormai non si possono creare altro che incubi, e dei più grigi e mediocri, perché l’attuale vita cognitiva degli uomini altro non permette. Il dio Morfeo, asso dell’immaginazione, non ne può più: l’immaginario degli umani si è inaridito a tal punto che i sogni che si creano sono dei più noiosi e terribili. Anche se una sognatrice che ancora dà soddisfazione c’è: si chiama Alice e non solo fa dei bellissimi sogni, ma è capace di controllarli e divertirsi ad inventare, anche mentre li fa. Il suo ultimo sogno però sta durando più del dovuto, sembra non finire mai… Dopo una ricerca, Morfeo, Notturno e Artemidoro scoprono la verità: Alice non sta dormendo. Alice è in coma! Si mettono in testa di provare a svegliarla e salvarla. Ma le loro forze da sole non bastano. Si recano a Bubastis, nell’antico Egitto, nell’antro dalla dea Bastet, dea del sonno: una strana creatura, enorme, metà gatta e metà umana, che parla un linguaggio criptico da indovina. È solo la prima tappa del loro viaggio nel tempo, nello spazio e nel sogno…

Note dell’autore

“Il sogno di Morfeo” verte sul tema dei sogni, intesi nel loro senso fisiologico. Sulla stregua di studi psicoanalitici, antropologici e scientifici, ne approfondisce e ne sviscera le caratteristiche, per metterne in luce l’importanza: cosa sono i sogni? Cosa rivelano di noi? È giusto metterli da parte come “assurdità” o piuttosto dovremmo affrontarli, raccontarli, raccontarceli? Non per analizzarli, ma anche solo per metterceli davanti, come specchi, al modo delle tribù o delle antiche comunità di ogni parte del mondo.

“Il sogno di Morfeo” trasfigura tutti gli argomenti di cui sopra attraverso il potere del fantastico, della metafora e della simbologia, come un dramma mitologico moderno. Di “antico” ha la presenza di divinità e spiriti: innanzitutto il personaggio di Morfeo, dio dei sogni, e alcuni suoi alleati o avversari. Di “moderno” ha le strumentazioni fantascientifiche con cui agisce, nonché i personaggi umani che sognano: le loro psicopatologie, i loro problemi, le loro parole. Per maggiori informazioni: info@teatrofabula.comhttp://www.teatroinfabula.it/

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *