In cerca di Neapoli

In occasione del progetto “Napoli 4 Families” organizzato dal Comune di Napoli, il collettivo lunAzione presenta:

In cerca di Neàpoli, canto inverso per sirenidi e lupi di mare – un evento teatrale per scoprire le storie mitologiche della città di Napoli.          

Durante il percorso gli spettatori saranno catapultati in una storia immaginaria sulla fondazione della città. Lungo le rampe Lamont Young fino alla sommità di Villa Carafa, sulla collina di Pizzofalcone, gli attori daranno vita a uomini e donne realmente esistiti o vissuti anche soltanto nel nostro immaginario e verranno narrate storie fantastiche della città partenopea.

Degustazione offerta dalle Cantine dell’Averno e O Tarall.

 

Note di regia:
In cerca di Neàpoli è la storia immaginaria della fondazione di una città nuova, un interrogarsi su ogni forma di diversità e sulle possibilità di convivenza tra noi e i nostri Altri. Due uomini greci, un condottiero e il suo marinaio, sono bloccati su una spiaggia. Reduci del saccheggio di Troia, stavano facendo ritorno verso casa quando a un tratto le forze naturali gli si sono rivoltate contro. Il vento ha smesso di soffiare, la corrente ha smesso di tirare e le onde di increspare la linea del mare: l’imbarco è diventato impossibile. Fermi dunque sulla rena di una terra sconosciuta, fanno l’incontro di una creatura misteriosa dall’incomprensibile passato, una figura senza memoria, uomo e donna, vecchia e giovane incapace di mostrarsi in un’unica forma…

 
Domenica 1 maggio ore 11,00 presso le Rampe Lamont Young (rampe di Pizzofalcone)
Quota di partecipazione: 7,00 euro
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

#napoli4families

Contatti:
Collettivo lunAzione – Associazione di promozione sociale
mail: lunazione@gmail.com
www.collettivolunazione.it
FB: https://www.facebook.com/lunazzzione
Twitter: https://twitter.com/coll_LunAzione
cell. 33554232067

 
Ufficio stampa
Giulia Esposito
cell. 3355432067
giuliaesp1@gmail.com

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *