La Scienza della Mente, un evento pisano dal sapore universale con illustri Scienziati, tanti giovani ricercatori, Richard Gere e il XIV Dalai Lama

PISA – Dopo il Festival Mondiale della Robotica, Pisa ha ospitato un evento svoltosi in 3 sessioni incentrate sui rapporti che la Scienza della Mente ha sia con la Meccanica Quantistica, le Neuroscienze e la Filosofia.

Impreziosito dalla partecipazione dell’attore Richard Gere – il cui carisma ha incantato i presenti – Ospite d’Onore dell’evento è stato la massima autorità della tradizione buddhista, il XIV Dalai Lama, Tenzin Gyatso, a cui il Rettore dell’Università di Pisa ha conferito la Laurea Honoris Causa in Psicologia Clinica e della Salute (www.unipi.it).

The Mindscience of Reality vuole espandere le Neuroscience, favorendo la cooperazione fra culture, esperienze e metodologie diverse che studiano i processi mentali per migliorare il benessere personale e sociale, valorizzando l’Interazione con la realtà esterna, la Percezione, il Training, il Controllo, la Consapevolezza, lo Sviluppo di Potenzialità, etc…

Per studiare la mente con approcci fra loro complementari (quello delle Scienze Occidentali e quello delle Tradizioni culturali d’Oriente) bisogna creare luoghi di incontro tra la filosofia/psicologia del buddhismo (ad es. analisi in prima persona dei processi mentali, introspezione, meditazione, concentrazione, ecc.) e la filosofia/scienza occidentale (ad es. analisi in seconda e terza persona del comportamento umano, vista in chiave psicologica, psichiatrica, psicofisiologica, neurofisiologica e neuro-scientifica)… continua a leggere il Comunicato Stampa


Richard GERE durante il suo discorso sul Buddhismo
all’Università di Pisa (20 Settembre 2017)

Tenzin GYATSO, XIV DALAI LAMA, riceve la LAUREA in PSICOLOGIA
dal RETTORE dell’Università di Pisa (21 settembre 2017)

San Francesco in adorazione, affresco del 1568
nel Monastero del 3° Millennio a Mesagne

Tenzin GYATSO, XIV DALAI LAMA,
Ospite d’Onore dell’evento

Bhaiṣajyaguru, il Buddha della medicina
in una antica versione tibetana

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *