L’economia che non uccide: al Liceo Manzoni la presentazione del libro di Don Antonello Giannotti 

L’economia che non uccide: al Liceo Manzoni la presentazione del libro di Don Antonello Giannotti 

   Mercoledì 23 febbraio, alle ore 10:00, nell’Aula magna del Liceo Manzoni, il Presidente dell’Istituto Diocesano Sostentamento Clero, don Antonello Giannotti, parroco della chiesa del Buon Pastore, presenta il suo pamphlet L’economia che non uccide. A partecipare alla presentazione, in modalità online sulla piattaforma Cisco Webex, gli studenti di tutti gli indirizzi liceali del Manzoni; in presenza, gli alunni del liceo economico sociale, il “liceo della contemporaneità”, nato per guidare i giovani allievi nella “lettura” del mondo reale e nell’analisi delle interconnessioni tra economia, società, politica e cultura, su scala nazionale ed internazionale. 

   «Un evento quanto mai prezioso» – spiega la Dirigente Adele Vairo –, «perché offrirà agli studenti Manzoniani la possibilità di discutere di un ampio ventaglio di argomenti, afferenti non solo alla economia e alla socio-politica, ma anche alle sempre più attuali tematiche dell’educazione civica. Un’occasione foriera di profonde riflessioni, senza le quali non è possibile sentirsi ed essere realmente sentinelle vigili del retto vivere sociale». Don Antonello parlerà dell’economia del cuore, quella che non uccide, l’economia dal volto umano perché basata sulla collaborazione e sull’accoglienza: una economia che, obliterando il criterio meramente utilitaristico ed individuale, intende partire da basi etiche, al fine di non disumanizzare. Il testo di Don Antonello, con parole semplici e dirette, intende ribadire la necessità di virare verso un’economia che sappia promuovere la collaborazione e l’accoglienza emancipante, proponendo – per dirla con l’Autore – «un patto sociale realistico ed inclusivo», nonché una «riforma finanziaria di stampo etico» ed una «politica animata dalla carità, che persegua l’amicizia sociale», come auspicato anche da Papa Francesco.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *