Lettera aperta Presidente Provincia di Caserta – Presidente CdA Museo Campano

 Gentile Presidente,

nei giorni scorsi abbiamo avuto modo di commentare le criticità del sistema dei siti museali e archeologici di Terra di Lavoro, anche alla luce dei dati sulla affluenza e sui visitatori forniti dal MIBAC in riferimento a tutti i siti statali. Da questi dati emerge che nella nostra Provincia si trova il museo archeogolgico meno visitato nel 2018, quello Atellano. Ma non finisce qui. Infatti cominciano a circolare le cifre anche in riferimento al nostro museo più importante, quello di Capua, gestito dalla Provincia. Nel raffronto tra il 2018 e l’anno precedente abbiamo un dato sconcertante ed allarmante: sembra che in un anno il numero dei visitatori registrati sia crollato da 17.000 a meno di 7.000.  Forse è il caso più eclatante di perditas di attrattività da aprte di un bene culturale.Da tempo abbiamo chiesto agli organi competenti di farci avere i dati. In attesa di verificare quelli ufficiali, appare evidente il crollo di fruibilità e di presenza nel monumento: bastii pensare che in alcuni giorni si vedono solo pochi visitatori, che si possono contare con le dita di una mano. Che tristezza!
E’ evidente che allo stato sono ancora del tutto inadeguate le misure amministrative ed economiche messe in campo, in primo luogo da parte dell’ente gestore (la Provincia). Ancora più pesanti sono le responsabilità degli altri enti come la Regione ed il Mibac, che denotano un totale disinteresse.
Per tutte queste ragioni, come rete Amici del Museo Campano e Piazze del Sapere chiediamo un incontro congiunto ai due presidenti (Provincia e CdA) per approfondire e verificare le misure più opportune da mettere in campo a sostegno di programmi, progetti e percorsi per una più moderna ed adeguata politica di valorizzazione di uno dei monumenti più insignid ella “civiltà italica”.
In attesa di un riscontro, ringraziamo per l’attenzione.
Pasquale Iorio – 3382307279

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *