LETTERA Chiarimenti conferma domiciliari Zagaria

Al Presidente della Repubblica

Sergio Mattarella n.q. Presidente CSM e p.c. Ill.mo Avv. David Ermini

n.q. Vice Presidente CSM protocollo.csm@giustiziacert.it Ill.mo On. Alfonso Bonafede

Ministro della Giustizia segreteria.ministro@giustizia.it segr.ministro@giustizia.it

                                                                           TRASMISSIONE VIA E-MAIL 

Oggetto: chiarimenti sulla conferma dei domiciliari al boss Zagaria

Signor Presidente della Repubblica, vorrei portare alla Sua attenzione la notizia, recentissima, della conferma dei domiciliari per gravi motivi di salute al boss Pasquale Zagaria. Nelle ultime settimane si è fatto un gran vociare in merito alle scarcerazioni di centinaia di detenuti per ragioni di salute e rischio contagio da Covid-19; sono stati concessi loro gli arresti domiciliari, ma diversi revocati col Decreto del Ministro Bonafede. Il Tribunale di Sorveglianza di Sassari, però, decide diversamente e conferma, in seconda istanza, gli arresti domiciliari in provincia di Brescia ad un criminale del calibro di Zagaria. In un primo momento la colpa dell’avvenuta scarcerazione è ricaduta sul Dap per una

On. Antonio del Monaco
mancata comunicazione e si è alzato subito un polverone incredibile; gli avvocati di Zagaria, considerate le sue precarie condizioni di salute, ritenevano disumane le condizioni carcerarie del loro assistito e avevano pertanto chiesto gli arresti domiciliari. Negli ultimi tempi sono state proposte un paio di valide alternative per l’assistenza medica al detenuto, ammalato da tempo, proprio per evitare la conferma della detenzione domiciliare. Il Tribunale di Sorveglianza di Sassari, nella persona di Ida Aurelia Soro, alla fine, accoglie la richiesta degli avvocati, ritenendo addirittura illegittimo il Decreto di Bonafede: così Zagaria, mente criminale ed economica del clan dei casalesi, è tornato “a casa”. Signor Presidente, io sono membro della Commissione Ecomafie e cittadino di una Provincia che è stata martoriata per decenni da personaggi come Pasquale Zagaria; un territorio conosciuto ormai col nome di Terra dei Fuochi, un territorio avvelenato in cui cancro e morte sono notizie all’ordine del giorno. Mi domando, dunque, e credo sia la stessa perplessità che hanno molti dei miei concittadini amareggiati e delusi dalle Istituzioni, come sia stato possibile prendere una decisione del genere. Sia concesso l’errore una volta, ma non è ammissibile che venga perpetrato. Chiedo pertanto un Suo intervento, Signor Presidente, in quanto presiede il Consiglio Superiore della Magistratura, affinché si faccia luce su questo caso per approdare ad una più giusta risoluzione. In un momento così delicato e difficile per il nostro Paese, credo che evitare i contrasti e auspicare ad una proficua collaborazione e coordinazione tra gli organi istituzionali sia fondamentale per dare un segno di coesione, sicurezza, trasparenza e stabilità.

Ringraziandola della Sua attenzione e del Suo impegno, porgo cordiali saluti.

Roma, 11 Giugno 2020

On. Antonio Del Monaco

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *