L’importanza dei ‘fiori di Bach’ nell’educazione dei cani, ne parla la dottoressa Roano

3

di Daniele Palazzo

CASERTA-L’importanza dei “Fiori di Bach” nell’educazione, della cura e nel perseguimento de benessere dei cani al centro di un’arguta, interessante e stimolante conferenza(i suoi curator tengono a far sapere che l’ingresso è a titolo assolutamente gratuito), che, in programma per le ore 17.00, presso la sede casertana dell’Associazione Artemisia(è ubicata in Vico Della Ratta, 16 a Caserta), vedrà protagonista assoluta dal Dottoressa Federica Roano, esperta nel campo specifico. Al giorno d’oggi, sono in tanti, anche in Terra di Lavoro, quelli che condividono le loro vite e i loro spazi con il loro amato fido, per migliorare la vita del quale e, comunque, per rendere sempre più bello, funzionale e confortevole lo stare insieme reciproco, si impegnano tantissimo ed altrettanto si impegnerebbero, qualora se ne presentasse la necessità. Quale occasione più propizia della manifestazione di questa sera, nel corso della quale, oltretutto, si focalizzerà il discorso anche sull’applicazione dei Fiori di Bach al mondo dei cani? “Con l’aiuto di questi rimedi naturali(i Fiori di Bach), che lavorano sull’anima dei nostri compagni di vita, si legge in un documento fatto circolare sul territorio a cura dell’Associazione proponente, si avrà anche la possibilità essere istruiti su come “è possibile risolvere i problemi quotidiani che possono insorgere” quando si ha in casa un animale a quattro zampe. Tra questi, come evitare che facciano la pipì in casa, abituarli a non strattonare quando sono al guinzaglio, renderli il meno aggressivi , più sicuri di se e, quindi meno timorosi. Per tutti coloro che desiderassero avere ulteriori informazioni in merito, sono disponibili il sito facebookhttps://www.facebook.com/events/547783708722720 e i numeri telefonici 349-5848337, 328-5793553, 3932910186, nonché i siti mail artemisiaassociazione@gmail.com e federica.roano@gmail.com

2

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *