Lo storico Nigro presenta nuovo libro “Antiche vie, piazze e località di San Nicola la Strada”

SAN NICOLA LA STRADA – Lo storico e scrittore sannicolese Francesco NIGRO sta portando avanti sin dagli inizi degli anni ottanta un discorso culturale e storico sulle origini della Città di San Nicola la Strada e San Marco Evangelista rivolto alle associazioni culturali cittadine. Nell’ambito di questa lodevole iniziativa, e reduce dall’iniziativa dell’Oratorio di San Marco Evangelista, dove domenica ha presentato il video dal titolo: “Il Casale delle “Massarie”, immagini e storia”, l’Associazione di cultura e tradizioni popolari “Il Giardino”, di cui Nigro è Presidente, presenterà il nuovo libro di Francesco Nigro, dal titolo “Antiche vie, piazze e località di San Nicola la Strada”, Venerdì 25 novembre 2016, alle ore 18.30, nel salone del Real Convitto S. Maria delle Grazie, sito in Piazza Municipio. Porteranno il loro contributo di idee, con interventi mirati, l’ingegnere Maria Rosaria DI SPAZIO e l’architetto Giovanni LIETO FIORITO, alla presenza dell’Autore. La pubblicazione, curata dall’Associazione di cultura e tradizioni popolari “Il Giardino”, illustra le caratteristiche e le conformazioni delle vie comunali interne e delle vie vicinali di un comune rurale di un tempo, poco distante dalla reggia vanvitelliana. La pubblicazione offre al lettore anche la possibilità di apprendere i nomi che recavano le antiche vie e località di San Nicola la Strada. Nel passato molte strade erano a fondo naturale e creavano enormi disagi alla popolazione. D’inverno, ad esempio, le ruote dei carri affondavano in buche piene di fango e di acqua piovana. La condizione di impraticabilità di molte strade del passato ci porta al confronto con quelle dei giorni d’oggi, che non vengono sistemate a causa delle difficoltà finanziarie del Comune. Il saggio dello studioso di storia locale Francesco Nigro ci fa ricordare antichi toponimi (Piazza Circo, Via Turco, località Ponticello ecc.), che costituiscono il “patrimonio storico degli autoctoni”. Le piante topografiche impreziosiscono la ricerca storica, ricavata dalle pagine polverose di atti della Prefettura e dell’Amministrazione provinciale di Terra di Lavoro, sono conservati presso l’Archivio di Stato di Caserta. Un lavoro storico che ci fa riscoprire il passato con lo sguardo rivolto al futuro. È una ricerca certosina e capillare che si è protratta per mesi e mesi e che è stata resa possibile soltanto grazie al lavoro instancabile e alla sconfinata passione dell’autore per lo studio di questa parte di territorio, di cui ha scritto diversi testi. Francesco Nigro è nato a San Nicola la Strada, dove attualmente risiede. Laureato in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli, Nigro è stato Direttore Amministrativo del Ministero dei Trasporti, Ufficio Motorizzazione Civile di Caserta. Ha promosso varie iniziative culturali per ridurre l’incidentalità nell’interesse superiore della sicurezza della circolazione stradale. Cultore di storia locale. Già consigliere comunale e provinciale, nonché sindaco di San Nicola la Strada, è stato anche segretario dei Comunisti Italiani. Ha pubblicato numerose ricerche storiche, di cui si ricordano: “San Nicola la Strada nel secolo XVIII” (1982); “Andrea Della Peruta medico del 700” (1988); “La società filantropica e consorziale di San Nicola la Strada e San Marco Evangelista fondata nel 1883” (1990);”La società operaia di mutuo soccorso di San Nicola la Strada” (1991); “Lo stradone e i passeggiatoi vanvitelliani da San Nicola la Strada alla Reggia di Caserta” (1992); “Soprannomi e nomignoli a San Nicola la Strada” (199); “Il vescovo Michelangelo della Peruta (1773-1806)” (1994); “La violenza a San Nicola la Strada nel secolo XVIII” (2001); “Il Real convitto e orfanotrofio della Madonna delle Grazie di San Nicola la Strada” (2004), “Il villaggio Perroni, frammenti di vita dell’Ottocento”, “Il brigantaggio nei comuni di Massarie e di San Nicola la Strada (1860-1865)”.

Nunzio De Pinto

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *